Morta l'attrice Olympia Dukakis, premio Oscar per “Stregata dalla luna”

Morta l'attrice Olympia Dukakis, premio Oscar per “Stregata dalla luna”
Cinema Fanpage CULTURA E SPETTACOLO

Attrice di cinema e teatro, ha trovato la fama internazionale nel 1987, quando fu scelta per interpretare nel film "Stregata dalla luna" il ruolo della madre di Loretta Castorini (a sua volta interpretata da Cher).

La carriera di Olympia Dukakis. La carriera da attrice di Olympia Dukakis è stata naturale evoluzione della sua passione innata, mostrata sin da ragazzina e nonostante la contrarietà della sua famiglia, che la indirizzò verso un percorso più pratico con gli studi di fisioterapia alla Boston University con una borsa di studio della National Foundation for Infantile Paralysis

"La mia adorata sorella, Olympia Dukakis, è scomparsa questa mattina a New York City (Cinema Fanpage)

La notizia riportata su altri giornali

A darne notizia è stato il fratello Apollo su Facebook, spiegando che «dopo molti mesi di problemi di salute», la celebre attrice «è morta questa mattina a New York». (ilmattino.it)

Come ci insegna il Primo maggio, nel nostro piccolo dobbiamo lottare per le cose importanti. Buon primo maggio". (Yahoo Notizie)

Il regista Norman Jewison aveva visto l’attrice a teatro e l’aveva scelta per la parte della madre di Cher ollywood e Broadway dicono addio a Olympia Dukakis, l’indimenticabile madre di Cher nel film di Norman Jewison del 1987 «Stregata dalla Luna» per il quale aveva vinto un Oscar come attrice non protagonista. (Gazzetta di Parma)

Addio a Olympia Dukakis, Oscar nei panni della madre di Cher

Tumori di utero e ovaio: come si scoprono e come si trattano. Nella Giornata della Salute della Donna, DiLei TakeCare ha organizzato una diretta Facebook per parlare di alcune delle patologie oncologiche femminili (DiLei)

(Gay.it)

Ad annunciarlo Allison Levy, il suo agente alla Innovative Artists. Vinse la statuetta nel 1988 grazie alla sua interpretazione in “Stregata dalla Luna”. E' morta a 89 anni l'attrice statunitense Olympia Dukakis (La Stampa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr