Incentivi alle imprese femminili: chi può fare richiesta e come inviare le domande

greenMe.it ECONOMIA

Possono beneficiare degli “incentivi per lo sviluppo e il consolidamento delle imprese femminili”, le imprese femminili costituite da almeno dodici mesi alla data di presentazione della domanda di agevolazione, e le lavoratrici autonome in possesso della partita IVA aperta da almeno dodici mesi alla data di presentazione della domanda di agevolazione.

Una serie di norme sugli incentivi alle imprese femminili. (greenMe.it)

Se ne è parlato anche su altre testate

“Quest’anno – anticipa Gentile – puntiamo decisamente sulla ripresa e il rilancio della impresa rosa, fornendo assistenza e consulenza alle donne che vogliono fare impresa”. (Radio Senise Centrale)

Francesco Paolo Console, Ceo della Console&Partners, una offerta supportata da Lettera della banca che garantisce fideiussione bancaria per un importo di Euro 40 milioni a copertura totale dell’operazione. (Calcio In Pillole)

Il Fondo è volto a sostenere imprese femminili (intese come imprese a prevalente partecipazione femminile e lavoratrici autonome) di qualsiasi dimensione, con sede legale e/o operativa ubicata su tutto il territorio nazionale, già costituite o di nuova costituzione, attraverso la concessione di agevolazioni nell’ambito di una delle due seguenti linee di azione:. (Terre Marsicane)

Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. In questo articolo spiegheremo chi sono i potenziali beneficiari della misura, quali sono i requisiti necessari per chiedere i soldi e come fare domanda per ottenerli. (The Wam.net)

– “È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto che rende finalmente operativo il Fondo Impresa Femminile, istituito con la legge di Bilancio 2021 per favorire investimenti e servizi nell’imprenditorialità femminile. (Tuscia Times)

Il lavoro e la crescita delle imprese guidate da donne sono determinanti per una ripresa economica robusta e davvero sostenibile”. Il Fondo è tra le linee di intervento del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, che prevede, complessivamente, 400 milioni di euro per l’imprenditoria femminile”. (NewTuscia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr