Omicidio Vannini, la Cassazione conferma la pena: condannati i Ciontoli che sono già in carcere

Omicidio Vannini, la Cassazione conferma la pena: condannati i Ciontoli che sono già in carcere
la VOCE del TRENTINO INTERNO

“Gli avevamo promesso un mazzo di fiori se fosse stata fatta giustizia e domani è la prima cosa che farò”, ha spiegato Valerio Vannini.

La prima sezione penale della Cassazione accoglie questa tesi e, annullando la sentenza di secondo grado, rinvia gli atti alla Corte d’assise d’appello di Roma.

Pubblicità Pubblicità. Intanto il difensore dei Ciontoli ha riferito che “ieri sera la famiglia Ciontoli si è costituita in carcere“. (la VOCE del TRENTINO)

Su altre fonti

I giudici d'appello lo hanno condannato a 5 anni per omicidio colposo, ma la Corte di Cassazione ha chiesto un processo d'appello bis. Omicidio Vannini, la vicenda giudiziaria. Marco Vannini muore nella notte del 18 maggio del 2015. (Fanpage.it)

Questo contenuto è riservato agli abbonati 1€ al mese per 3 mesi Attiva Ora Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito 3,50 € a settimana Attiva Ora Tutti i contenuti del sito,. (La Stampa)

La famiglia di Antonio Ciontoli si trova già in carcere: Martina e Maria Pezzillo a Rebibbia, Antonio e Federico a Regina Coeli. Persone che hanno accompagnato la famiglia Vannini durante questo lungo percorso processuale durato quasi sei anni (BaraondaNews)

Vannini, la mamma di Marco: Finalmente porterò il mazzo di fiori che ho promesso a Marco

Video Sonia Bertino Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev agenziavista.it (Agenzia Vista) Roma, 03 maggio 2021 Condanna definitiva in Cassazione per la famiglia Ciontoli per l'omicidio di Marco Vannini avvenuto 6 anni fa a Ladispoli. (Il Messaggero)

Siamo contenti perché sono sei anni che abbiamo promesso un mazzo di fiori a nostro figlio", così Valerio Vannini, il padre di Marco, dopo aver conosciuto la sentenza che conferma quella del processo bis cioé la condanna della intera famiglia Ciontoli per l’omicidio di Marco Vannini. (Corriere TV)

I giudici della Cassazione hanno modificato il ‘concorso anomalo' in ‘concorso semplice' nell'omicidio volontario di Marco Vannini. Non è giusto inventare una storia affinché paghi di più, non si può dire che c'è stato un clan (Fanpage.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr