Super Green pass, il governo accelera sul decreto: oggi vertice con le Regioni. Costa tiene il punto: «Limiti ai No vax solo da zona arancione»

Open INTERNO

Tuttavia è una questione che il governo non ha mai escluso e, se ci fosse la necessità di ampliarlo ad alcune categorie, siamo pronti a farlo»

Infine Costa ha escluso che l’obbligo vaccinale possa essere esteso a tutti: «Ad oggi non c’è il tema dell’obbligo vaccinale per altre categorie.

Insomma, regole rigide sì ma solo per i No vax, escludendoli di fatto da tutte le attività ricreative.

Dopo giorni di pressione dalle Regioni, alle 18 di oggi 22 novembre ci sarà il primo vertice tra ministri e governatori sempre più allarmati per l’aumento dei contagi di Coronavirus. (Open)

Su altri giornali

Al momento sembra certo il fatto che verrà ridotto il periodo di validità del Green pass che da 12 mesi scenderebbe a 9, visto che dopo 6 mesi si ha un calo della copertura vaccinale (Centropagina)

Sul tavolo il cosiddetto “super green pass”, la certificazione verde con alcune restrizioni per chi non è vaccinato. Di fatto al vagio del Governo c’è la possibilità di imporre restrizioni alla vita sociale per chi non è vaccinato e magari ha il green pass, ottenuto dall’esito negativo del tampone. (IlGiunco.net)

Alcune regioni spingono addirittura per accorciare la durata del green pass vaccinale, ad 12 a 9 mesi, o addirittura a 6. Sul tavolo del Governo c’è anche il tema tamponi, in particolare sull’affidabilità dei test e della durata, che potrebbe scendere da 72 a 48 ore per i molecolari e da 48 a 24 per gli antigenici (Calcio e Finanza)

Più restrizioni ai non vaccinati. “Se si dovesse arrivare alla zona arancione, purtroppo bisognerà fare restrizioni più ampie per i non vaccinati. “Se il super Green pass entrasse in vigore dalla prossima settimana salviamo il Natale, se questo accadesse dopo si rischia di non riuscirci”. (Imola Oggi)

Green pass, dietrofront sui trasporti: niente obbligo su bus e metro. Un'altra questione da risolvere riguarda i dati degli italiani: con il doppio binario del green pass, infatti, chiunque sarà chiamato a effettuare i controlli potrà conoscere se il cittadino è vaccinato, guarito o ha fatto un tampone. (Quotidiano.net)

Con il super pass potrebbe dunque verificarsi la situazione che un cittadino italiano non può accedere a un ristorante o ad un cinema e un francese o uno spagnolo si Un problema che ci sarebbe pure dal punto di vista pratico, visto che «anche i vaccinati possono essere portatori del virus». (Gazzetta del Sud)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr