Zaki, la famiglia: "bene rilascio prigionieri, speriamo di gioire presto" - Sardiniapost.it

Zaki, la famiglia: bene rilascio prigionieri, speriamo di gioire presto - Sardiniapost.it
SardiniaPost INTERNO

Ci congratuliamo con tutte le famiglie dei prigionieri rilasciati e speriamo che Patrick torni tra le nostre braccia il più presto possibile!”.

(Adnkronos) – “Abbiamo seguito la notizia del rilascio di decine di prigionieri politici nei giorni scorsi con un misto di gioia e nostalgia.

“Speriamo di leggere la notizia della liberazione di Patrick, proprio come è successo con i/le suoi/sue colleghi/e

“Ci congratuliamo con tutte le famiglie dei prigionieri rilasciati per il ritorno dei loro figli e delle loro figlie. (SardiniaPost)

Su altri giornali

Patrick Zaki tra due settimane arriverà a 18 mesi precisi È stato un fine settimana difficile da dimenticare per tutti i difensori dei diritti umani nel Paese nordafricano. (Il Fatto Quotidiano)

Speriamo di leggere la notizia della liberazione di Patrick, proprio come è successo ai suoi colleghi" Inizia così la lettera scritta dai genitori di Patrick Zaki, lo studente dell'Università di Bologna in carcere in Egitto dal febbraio 2020 con l'accusa di minaccia alla stabilità nazionale. (La Repubblica)

Speriamo di leggere la notizia della liberazione di Patrick, proprio come è successo ai suoi colleghi”. Speriamo che questi felici sviluppi includano nostro figlio e che nel futuro prossimo sia tra noi” (Dire)

Famiglia di Patrick Zaki: “Speriamo di riabbracciare presto nostro figlio”

Ci congratuliamo con tutte le famiglie dei prigionieri rilasciati e speriamo che Patrick torni tra le nostre braccia il più presto possibile!”. Immaginiamo la loro felicità, e speriamo di averla presto anche noi. (Padova News)

E anche l’Italia adesso può sperare per il “suo” Patrick Zaki, lo studente egiziano dell’università di Bologna ormai in cella da 530 giorni. E in quella breccia potrebbe passare anche Patrick Zaki. (L'agone)

Ci congratuliamo con tutte le famiglie dei prigionieri liberati per il ritorno dei loro figli e delle loro figlie. Immaginiamo la loro felicità e speriamo di provarla presto anche noi. (PRESSENZA – International News Agency)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr