Vaccini, Johnson&Johnson come Astrazeneca. L’Ema: “Possibile legame con trombosi rare”

Vaccini, Johnson&Johnson come Astrazeneca. L’Ema: “Possibile legame con trombosi rare”
Il Fatto Quotidiano INTERNO

Inoltre gli eventi dovrebbero essere elencati come effetti collaterali molto rari del vaccino”.

Tutti gli eventi rari di trombosi cerebrale “si sono verificati in persone di età inferiore a 60 anni entro tre settimane dalla vaccinazione” e “la maggioranza nelle donne.

Il pronunciamento dell’Agenzia europea del farmaco Ema “è chiaro: i benefici del vaccino Johnson&Johnson” contro Covid-19 “superano i rischi di effetti collaterali molto rari e insoliti

In serata quindi è arrivata la conferma: “Il vaccino Janssen è sicuro. (Il Fatto Quotidiano)

Se ne è parlato anche su altri giornali

L’Agenzia europea del farmaco, Ema, riconosce «possibili» legami di causa-effetto tra il vaccino di Johnson & Johnson e gli eventi «molto rari» di trombosi cerebrale che si sono verificati negli Usa. «I casi esaminati erano molto simili a quelli verificatisi con il vaccino Vaxzevria, sviluppato da AstraZeneca», precisano gli esperti (Giornale di Sicilia)

Lo ha detto a Sky TG24 Economia Thierry Breton commentando le valutazioni dell'Ema sul vaccino di J&J. “Il target della Commissione europea - ha detto ancora Breton - è che dovremmo essere in grado di vaccinare più del 70% della popolazione adulta entro metà luglio in tutta Europa. (Adnkronos)

L’Agenzia europea del farmaco (Ema) riconosce “possibili” legami di causa-effetto tra il vaccino di Johnson & Johnson e gli eventi “molto rari” di trombosi cerebrale che si sono verificati negli Usa. (L'HuffPost)

Vaccino Janssen (J&J). Dall'Ema verdetto fotocopia di quello su AstraZeneca: “Benefici superano i rischi”. Rischio eventi molto rari di trombosi sarà aggiunto alle note informative. Ma nessun limite di età o sesso al suo utilizzo

Come già deciso a suo tempo per quello di AstraZeneca, anche il vaccino Johnson&Johnson sarà utilizzato «preferenzialmente» nelle persone al di sopra dei 60 anni di età e in quelle più a rischio di malattia grave. (Il Manifesto)

Con una nota, l'Agenzia ha anticipato quanto segue: riconosce "possibili" legami di causa-effetto tra il vaccino e gli eventi "molto rari" di trombosi cerebrale che si sono verificati negli Usa. Il Prac ha anche concluso che questi eventi vanno elencati come effetti collaterali molto rari del vaccino. (Rai News)

I casi esaminati erano molto simili ai casi verificatisi con il vaccino Covid-19 sviluppato da AstraZeneca, Vaxzevria" Il Prac ha anche concluso che questi eventi dovrebbero essere elencati come effetti collaterali molto rari del vaccino. (Quotidiano Sanità)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr