Talebani: “Vogliamo relazioni positive con tutti”

Talebani: “Vogliamo relazioni positive con tutti”
T-mag ESTERI

Non vogliamo interferire con gli affari interni di nessun Paese, e ci aspettiamo che gli altri Paesi non interferiscano con i nostri”.

Talebani: “Vogliamo relazioni positive con tutti”. L’Afghanistan ha inviato il messaggio” di voler instaurare “relazioni positive con il mondo interno.

E’ quanto detto dal ministro degli Esteri talebano Amir Khan Muttaqi, che ha parlato ad un evento presso un centro studi a Doha, in Qatar, dove si trova per i colloqui di questi giorni con delegazioni internazionali, tra cui quelle di Usa e Ue

(T-mag)

La notizia riportata su altre testate

Che hanno entrambi legittimità e giustificazione, ferma restando solo l’esigenza di non confondere gli uni con gli altri. Si torna a parlare, nel summit voluto da Mario Draghi che si terrà domani, dell’Afghanistan e del mondo dopo il precipitoso abbandono di Kabul e dell’intero paese nelle mani dei Taliban. (il mattino di Padova)

E fu proprio il segretario generale NATO Jens Stoltenberg a scegliere l’Ambasciatore Pontecorvo più di un anno fa, al termine del suo mandato come ambasciatore italiano in Pakistan. E la base Nato, costruita per contenere 5mila persone, ne ha ospitate fino a 18 mila”. (LaVoceDiAsti.it)

Una mossa che fa trasparire la volontà statunitense di non riconoscere gli studenti coranici L'Occidente è pronto ad aiutare, ma allo stesso tempo osserva con preoccupazione la situazione nel Paese mediorientale, dove le promesse fatte dai talebani non sempre sono mantenute. (Euronews Italiano)

Afghanistan, diplomazia al lavoro. A rischio un milione di bambini

È fondamentale integrare con la fornitura di ciò che possiamo chiamare 'aiuto umanitario plus' a sostegno diretto della popolazione" In queste settimane abbiamo visto le persone fuggire, morire, sperare, salvarsi ma soprattutto abbiamo assistito all'infrangersi di molti sogni. (Yahoo Finanza)

Lo ha detto l'Alto rappresentante per la politica estera Ue, Josep Borrell, a margine della videoconferenza informale dei ministri dello Sviluppo. Secondo il Norwegian Refugee Council, almeno 1 milione di bambini rischiano di morire di freddo e fame questo inverno, a meno che non ottengano l'assistenza adeguata. (Notizie - MSN Italia)

Imminente una catastrofe umanitaria. Affrontare la gravissima situazione umanitaria in Afghanistan “è interesse primario dell’Ue”, aveva indicato ieri Josep Borrell, Alto rappresentante dell’Unione per la politica estera, che aveva parlato di almeno un milione di bambini che rischiano di morire di freddo e fame, a meno che non ricevano l'assistenza adeguata. (Vatican News)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr