L'Europa bella e solidale di Salvini e la pan-demenza di Diego Fusaro: vota il peggio

L'Europa bella e solidale di Salvini e la pan-demenza di Diego Fusaro: vota il peggio
L'Espresso INTERNO

Abbiamo raccolto le dichiarazioni più assurde.

Stupidario L’Europa bella e solidale di Salvini e la pan-demenza di Diego Fusaro: vota il peggio di Wil Nonleggerlo. E poi la spystory di Spinaceto, i fischi d'Er Faina, gli interrogativi "bisex" di Malan.

Date il vostro giudizio

(L'Espresso)

La notizia riportata su altre testate

I sindacati criticano le scelte dell’Ue che hanno favorito le compagnie francesi e tedesche e fanno le pulci ad ogni sostegno ad Alitalia. L’Europa dei patti di stabilità e delle chiusure alla richieste di aiuto è finita dopo il Covid. (L'Espresso)

Mentre tra i partiti si assottigliano le distanze tra Lega, Partito Democratico, Movimento 5 Stelle e Fratelli d’Italia. Il primo maggio 2020, a due mesi dalle elezioni che avevano portato alla nascita del governo Lega-M5s, la Lega dominava i sondaggi politici (LA NOTIZIA)

A dettare la linea, come ha ribadito il Premier, la curva dei contagi che rischia di rovinare i piani di Salvini. Insomma, non è da escludersi un possibile Papeete bis, replicando lo strappo estivo che portò il leghista dal governo gialloverde all’opposizione (QuiFinanza)

Fassina: “Salvini attacca Speranza? La Lega ora è al governo. È insopportabile avere pagliacci che fanno…

Vale la pena correre il rischio di buttare all’aria quello che è stato fatto per aprire venti giorni prima”. L’altro, il segretario della Lega, è entrato nel governo Draghi “in nome e per conto dell’interesse del suo elettorato e del paese” . (Tiscali Notizie)

Allo studio proposte per nuovi protocolli per andare in teatri, impianti sportivi, palestre, bar, ristoranti e negozi, come annunciato dal leader della Lega Matteo Salvini, che sottolinea: “Riaperture in sicurezza, dove i dati lo consentono, e nuovi protocolli per rivedere il numero di accessi in teatri e impianti sportivi, senza dimenticare palestre, bar, ristoranti e negozi. (Adnkronos)

Tra l’altro, nonostante quello che dica Salvini, il presidente Draghi condivide pienamente le posizioni del ministro Speranza. Non può votare a favore in Parlamento e nel Cdm, e poi avere Salvini che va in giro a raccontare quant’è bello riaprire tutto. (Il Fatto Quotidiano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr