Umberto I, un infermiere dopo l'assalto: «No Green pass arrivato in ospedale ci urlava siete degli schiavi. Poi ha colpito una collega»

Umberto I, un infermiere dopo l'assalto: «No Green pass arrivato in ospedale ci urlava siete degli schiavi. Poi ha colpito una collega»
Approfondimenti:
ilmessaggero.it INTERNO

A parlare è uno dei 20 sanitari, tra medici e infermieri, che sabato era in turno di notte al pronto soccorso del Policlinico Umberto I quando un gruppo di trenta violenti “No Green pass” si è riversato nell’ospedale.

«Le pattuglie erano già nel piazzale quindi noi medici, insieme agli agenti che dovevano essere refertati, abbiamo messo in sicurezza l’interno del pronto soccorso.

I colleghi hanno poi chiesto di mettere in sicurezza anche l’ingresso nel piazzale principale e di chiudere tutto anche lì

Il direttore del Dea: «Infermiere offese e picchiate, noi da un anno e mezzo salviamo le persone». (ilmessaggero.it)

Su altre fonti

I facinorosi sono però riusciti ad entrare nell’area rossa del pronto soccorso”. Ulteriori particolari emergono dalle indagini conseguenti al gesto criminale dei manifestanti No GreenPass che hanno aggredito infermieri e medici del pronto soccorso dell’Umberto I. (Nurse Times)

E ancora: "l'assalto è scattato perché uno dei fermati, un uomo proveniente dalla Sicilia, era stato ricoverato in ospedale. Nella serata di sabato 9 ottobre era stata invece presa d'assalto la sede della Cgil (Liberoquotidiano.it)

I facinorosi sono però riusciti ad entrare nell'area rossa del pronto soccorso" Il Pronto Soccorso dell'Ospedale Umberto I assaltato dai manifestanti no green pass. Una infermiera è stata colpita in testa con una bottiglia. (Rai News)

De Palma (Nursing Up) sul raid al Pronto Soccorso del Policlinico di Roma: «Infermieri non diventino capro espiatorio».

È stato accompagnato nella sala di isolamento da Covid e ha iniziato subito a inveire contro chiunque provasse ad avvicinarsi a lui. Dopo l’attacco al triage sono arrivati gli agenti del reparto mobile, che hanno presidiato il pronto soccorso fino alle cinque del mattino (Open)

La notizia dell’infermiera del Policlinico, una collega, una di noi, colpita addirittura da una bottigliata in testa ci lascia nello sgomento totale. Del resto la maggior parte dei nostri infermieri ha scelto con coscienza di sottoporsi alle somministrazioni (AssoCareNews.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr