Vaccini agli studenti in fascia 12-18 anni, la pediatra ai genitori: «Niente timori, due dosi di prima di tornare a scuola»

Vaccini agli studenti in fascia 12-18 anni, la pediatra ai genitori: «Niente timori, due dosi di prima di tornare a scuola»
Più informazioni:
quotidianodipuglia.it SALUTE

Ed evitare di dover tornare a fare ricorso alla Dad o agli ingressi scaglionati in classe».

E in Puglia.

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati

Annamaria Staiano, direttrice di Pediatra generale all’Azienda ospedaliera universitaria federiciana di Napoli e presidente della Società italiana di pediatrianon ha dubbi: «È necessario accelerare con la vaccinazione anti-Covid nei ragazzi in fascia 12-19 anni per garantire la ripresa di tutte le attività, a partire da quelle scolastiche. (quotidianodipuglia.it)

Ne parlano anche altre testate

2) I viaggi saranno esclusi per i non vaccinati? In percentuale non stiamo parlando di una pandemia di quelle che non sono gestibili o sbagliamo a ragionare così? (Lo Speciale)

Questo processo, noto come risposta immunitaria adattativa (una risposta immunitaria acquisita caratterizzata dall’adattamento del sistema immunitario a ciascun agente patogeno), può richiedere una o due settimane per essere efficace “Un braccio dolorante - spiega la Dott. (NapoliToday)

Grazie, dunque, alla dottoressa Morgante per aver accolto la nostra richiesta. Ieri abbiamo avuto il camper della salute nella nostra comunità che ha consentito a tanti concittadini di vaccinarsi. (https://www.irpiniatimes.it)

E se i No vax pagassero le spese sanitarie in caso di ricovero per Covid?

Una percentuale ancora lontana dalla “copertura totale”, raggiunta solo da Campania, Friuli-Venezia Giulia e molto vicina in Molise (0,19% senza dose), ma distante anche dalle quote delle prime tre regioni posizionate in cima alla graduatoria, a partire dalla Sicilia (43,24%), seguita dalla provincia autonoma di Bolzano (38,17%) e dalla Liguria (34,77%). (IlPiacenza)

Così Giorgia Meloni a margine della presentazione del suo libro “Io sono Giorgia” che si è tenuta a Napoli. Stiamo affrontando su un piano ideologico un tema che ideologico non è. L’unico modo che abbiamo per favorire la campagna vaccinale è combattere l’assenza di trasparenza e confusione. (Imola Oggi)

E però, se nei giorni prima di morire il virus dovesse avere la possibilità di ‘saltare’ dal soggetto contagiato e vaccinato a un soggetto non vaccinato che gli passa affianco, in quest’ultimo il virus si replica espandendosi velocemente ed eventualmente cambiando i propri connotati anche di quel tanto sufficiente a generare nuove e incontrollabili varianti”. (L'agone)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr