Caso Eitan, lo zio paterno: "C'è stato un breve colloquio col bimbo. Andremo in Israele"

Caso Eitan, lo zio paterno: C'è stato un breve colloquio col bimbo. Andremo in Israele
Sky Tg24 INTERNO

Sull'affidamento del bambino lo zio ha affermato che "deve decidere Tribunale italiano e non quello israeliano, il centro della sua vita è in Italia".

Il pensiero del piccolo Eitan rimasto solo, unico a sopravvivere e senza i genitori, mi ha scosso profondamente"

Lo ha svelato ai giornalisti Or Nirko, lo zio paterno di Eitan, il bambino unico sopravvissuto alla tragedia della funivia del Mottarone (Sky Tg24 )

Ne parlano anche altre fonti

Queste le parole del nonno Shmuel Peleg, il nonno di Eitan indagato dalla Procura di Pavia per sequestro di persona, rilasciate all'emittente israeliana N12. (Fanpage.it)

Peleg, è indagato a Pavia per sequestro di persona aggravata insieme con la moglie. Le parole di Shmuel Peleg al canale tv israeliano Channel 12: "Ho perso la fiducia nel sistema italiano". “Ho perso la fiducia nel sistema giudiziario italiano”. (LaPresse)

A bordo di questa auto questa mattina Aya Biran e Or Nirko, gli zii paterni di Eitan sono usciti dalla loro casa verso mezzogiorno. Il loro auspicio è quello di rientrare a Pavia tenendo per mano il piccolo di 6 anni conteso dalle due famiglie, quella materna e quella paterna (IL GIORNO)

«Abbiamo sentito Eitan al telefono». Gli zii pronti a partire per Israele: «Tanti i complici del rapimento»

Se non che il bambino dovrebbe trovarsi a casa di nonno Shmuel Peleg, che vive in un elegante palazzo appena fuori Tel Aviv. Eitan tornerà dunque a casa, ma il nonno rapitore tornerà presto libero. (IL GIORNO)

Or Nirko, lo zio paterno di Eitan Biran ha definito così l’arresto del nonno materno accusato d’aver rapito il piccolo e di averlo portato in Israele. Il nodo del passaporto. Nonno Shmuel Peleg che aveva il passaporto di Eitan, non lo aveva mai restituito. (IL GIORNO)

Solo pochi giorni fa Eitan era stato prelevato di nascosto dal nonno materno, Shmuel Peleg, ora accusato di rapimento insieme alla moglie, e portato in Israele. L’obiettivo degli zii è ora quello di riportate il piccolo Eitan in Italia, «ma la strada per sentiamo che sia ancora lunga», ha continuato Nirko. (Open)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr