Telepass “Pay per use”. paghi solo se lo usi.

La Repubblica ECONOMIA

– Pay per use, semplice come solo gli anglosassoni sanno essere: si paga ciò che si consuma, senza equivoci o giri di parole.

Oggi con il nuovo “Pay Per Use” ci rivolgiamo a quel 30% che ancora utilizza carte di pagamento o contanti per pagare il pedaggio

Per ricevere il Telepass “Pay Per Use” direttamente a casa, basta fare la richiesta sul sito www.telepass.com oppure tramite cellulare, direttamente dall’omonima app. (La Repubblica)

Se ne è parlato anche su altri media

Infine, è possibile associare una targa per volta all’offerta di Telepass, modificabile in qualsiasi momento tramite l’apposita sezione dedicata all’interno dell’app del servizio. (ClubAlfa.it)

Telepass, il servizio di pagamento cashless a maggior penetrazione sul mercato, non solo italiano, diventa oggi anche "Pay Per Use". Con la nuova offerta Telepass vuole offrire uno strumento in più per chi utilizza le autostrade saltuariamente, e quindi non ha mai preso in considerazione i pagamenti ai caselli automatici per via del canone mensile fisso. (DMove.it)

L’offerta è senza canone, quindi non prevede nessun costo fisso mensile e nessuna spesa extra. Pagare un servizio quando si usa e non quando si fa a meno di farvi ricorso è sempre una buona cosa. (Autoblog)

Stiamo parlando del servizio di pagamento cashless a maggior penetrazione presente sul mercato, non solo italiano Dopo aver sottoscritto la nuova offerta, sarà possibile ricevere il dispositivo direttamente e comodamente a casa. (Gripdetective)

Oggi con il nuovo Telepass “Pay Per Use” ci rivolgiamo a quel 30% che ancora utilizza carte di pagamento o contanti per pagare il pedaggio Nasce Telepass “Pay Per Use”, una novità che va sempre nell’ottica di soddisfare tutte le esigenze del cliente. (Fleet Magazine)

A partire da giovedì 10 giugno è possibile richiedere lo specifico dispositivo Telepass con il quale vengono addebitati soltanto i mesi di effettivo utilizzo. La richiesta per il nuovo “Pay Per Use” può venire fatta via internet sul sito www. (inSella)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr