Pfizer, in arrivo 40 milioni di dosi per l’Italia. L’ad Kerkola: “Così controlleremo i vaccini con il Gps”

La Stampa ECONOMIA

«Nessun vaccino Pfizer è disponibile tramite intermediari.

«Oltre alle 300 milioni di dosi previste entro l’anno nearriveranno altre 200 milioni, con una stima di 75 milioni nel secondo trimestre, per un totale di 500 milioni entro fine 2021 e un’opzione per arrivare a 600 milioni».

Stati Uniti e Israele hanno avuto prima i vaccini perché li hanno pagati di più?

«Pfizer produce vaccini per 165 Paesi

«Pfizer e BioNTech lavorano incessantemente per fornire al mondo 2 miliardi di dosi entro il 2021. (La Stampa)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Il virologo durante il suo intervento a "Otto e mezzo" su La7 - Ansa /CorriereTv. «Occorre essere chiari una volta per tutte su cosa ci si aspetta dal punto di vista dei vaccini», così il virologo Massimo Galli, ospite di Lilli Gruber a "Otto e mezzo" su La7. (Corriere TV)

"Il vaccino ha alzato il livello di anticorpi nel sangue di migliaia di volte", spiega Andrew McGuire, uno degli autori, al New York Times. Difatti, secondo quanto riportato dagli stessi studi, per chi è stato affetto dal VIRUS basta una sola dose di vaccino e la seconda può essere anche evitata. (iLMeteo.it)

Inoltre, «nessun vaccino Pfizer è disponibile tramite intermediari. L’accordo prevede che «oltre alle 300 milioni di dosi previste entro l’anno ne arriveranno altre 200 milioni, con una stima di 75 milioni nel secondo trimestre, per un totale di 500 milioni entro fine 2021 e un’opzione per arrivare a 600 milioni" spiega. (Gazzetta di Parma)

L’Ad di Pfizer Italia, Paivi Kerkola, ha garantito che entro il 2021 ammonterà a 40 milioni lo stock di dosi di vaccino anti-Covid per il nostro Paese. Ammonterà a 40 milioni lo stock di dosi di vaccino Pfizer per il nostro Paese entro la fine del 2021: è quanto ha garantito, nel corso di un’intervista al quotidiano “La Stampa”, Paivi Kerkola, Amministratore delegato di Pfizer Italia. (Formatonews)

AstraZeneca è disposta a " cedere le licenze di produzione del vaccino anti-Covid per far sì che si possa accelerare. Ad affermarlo è l'AD della compagnia in Italia Lorenzo Wittum: "È quello che abbiamo fatto negli ultimi mesi: i 20 stabilimenti di produzione non sono solo nostri", sono state le sue parole. (Sputnik Italia)

In ordine: > 80 aa, soggetti molto fragili, > 70 aa, soggetti fragili via via più giovani. Che il vaccino che nei prossimi mesi sarà maggiormente disponibile in Italia non può essere usato per il gruppo 1) e 2) di priorità. (AndriaViva)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr