È stata trovata una nuova "super-luna" fuori dal sistema solare

Metropolitan Magazine Italia SCIENZA E TECNOLOGIA

Se dovesse essere reale, la luna potrebbe essere chiamata Kepler 1708b-i.

Non era stato trovato nulla del genere fino ad ora, come una super luna.

Una luna così grande è difficile da pensare, ma secondo gli esperti Kepler 1708b-i potrebbe essere stato un pianeta a sé stante, catturato dopo un incontro ravvicinato con il pianeta Kepler 1708b

Ci sono più di 4.000 pianeti nell’Universo, ma non abbiamo trovato nessuna luna. (Metropolitan Magazine Italia)

La notizia riportata su altri media

È 2,6 volte la Terra. La somiglianza non è casuale, spiega uno degli autori dello studio, David Kipping. Un probabile satellite è stato individuato dagli astronomi non lontano dal pianeta gigante gassoso Kepler 1708b, a circa 5.500 anni luce dal nostro pianeta. (Scienzenotizie.it)

Anni di ricerche e una luce fievole ma ricca di aspettative ed ecco l’esoluna palesarsi. Gli astronomi che l’hanno scoperta, esperti della Columbia University di New York capitanati da David Kipping, l’hanno chiamata così, Kepler 1708b-i perché vicina a Kepler 1708b, esopianeta al di fuori del nostro sistema solare e la raccontano sulle pagine della prestigiosa pubblicazione Nature Astronomy. (Tiburno.tv)

Ora ci sono prove di una luna in un altro sistema solare. Foto: chiave di volta. La Terra ne ha uno, Marte due, Giove e Saturno circa 80: le lune sono compagne frequenti nel nostro sistema solare, soprattutto i pianeti esterni. (SapereFood)

Gli astronomi hanno determinato con successo le posizioni degli esopianeti attorno alle stelle al di fuori del nostro sistema solare, ma le esolune sono difficili da localizzare a causa delle loro piccole dimensioni. (Buzznews portale di notizie)

Questa è stata seguita da una ricerca di pianeti che mostrassero la massima somiglianza possibile con la Terra. Questa scienza ci permette di capire meglio come si formano ed evolvono le lune, sia nel nostro sistema solare che lontano (TGcomnews24)

"Troviamo un oggetto intrigante, facciamo una previsione e confermiamo il candidato come esoluna o lo escludiamo con osservazioni future" Questa sarebbe la seconda esoluna candidata rilevata finora dagli astronomi e, se confermata, potrebbe indicare che satelliti, grandi e piccoli, sono davvero comuni nell'Universo, tanto quanto gli esopianeti. (ALIVE UNIVERSE)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr