Picco di Omicron in Liguria, ma si attenua tra i bambini

La Repubblica ESTERI

Picco di Omicron in Liguria, ma si attenua tra i bambini di Michela Bompani. In generale rallentamento della curva, anche se c'è stata un'impennata di casi ma con 40mila test.

E il Gaslini, per liberare letti, trasferisce i pazienti non gravi in una residenza sanitaria esterna

(La Repubblica)

Su altre testate

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati In particolare, una ricerca realizzata in Giappone e un'altra negli Stati Uniti mettono a fuoco il tempo necessario a raggiungere il picco di contagiosità e la durata dell'incubazione, anche se il numero inevitabilmente ancora ridotto dei casi esaminati renderà necessario. (Quotidiano di Puglia)

Ad esempio la riapertura delle scuole, "anche se l’impressione è che non possa incidere su livelli di contagio così alto". Il giorno prima, martedì, il bollettino regionale ha toccato il record di 265.222 test in un giorno, il 17,1% positivi, aggiungendo al conto 45.555 contagiati. (IL GIORNO)

"Omicron è esplosa a partire dall'ultima decade di dicembre e da allora la curva si è impennata molto rapidamente, giorno dopo giorno - sottolinea Abrignani al Corriere della Sera - Gli esperti di modelli di crescita di un'epidemia ci dicono che salirà fino a raggiungere il picco alla fine di gennaio". (Today.it)

Omicron, "aperto un ospedale da hoc": il terrificante precedente in Israele, cosa ci aspetta. Nel frattempo gli esperti continuano a studiare la variante Omicron: in particolare una ricerca condotta in Giappone si è occupata del tempo necessario per raggiungere il picco di contagiosità. (LiberoQuotidiano.it)

I nuovi casi totali registrati dal ministero sono stati individuati grazie a 1.190.567 tamponi totali (sia molecolari che antigenici), 184.947 in meno rispetto al giorno precedente (1.375.514). Non dimentichiamo che l'incremento dei casi è anche una testimonianza ulteriore del fatto che gli ospedali sono sotto forte pressione (ilmessaggero.it)

A confermare la diversità di sintomatologia della variante Omicron giunge anche una prima mappa elaborata sulla base dei casi tracciati a Londra tra ottobre e dicembre. Già prima di Natale il direttore regionale dell’Oms Europa aveva affermato che “sulla base dei primi casi di Omicron segnalati, l’89% dei soggetti ha riportato sintomi comuni: tosse, mal di gola, febbre”. (il Resto del Carlino)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr