Vietare “La scuola cattolica” ai minori di 18 dimostra che la censura esiste ed è più viva che mai

Vietare “La scuola cattolica” ai minori di 18 dimostra che la censura esiste ed è più viva che mai
The Vision CULTURA E SPETTACOLO

La “censura” de La scuola cattolica mette in luce quanto in Italia siamo ancora vittime e schiavi di un’arretratezza che ci impedisce di progredire da un punto di vista etico ed esistenziale

Insieme a Lopez, nella villa degli orrori che fu teatro del delitto, era stata trascinata anche Donatella Colasanti, all’epoca minorenne e sopravvissuta per miracolo.

I giovani non hanno bisogno di essere protetti attraverso metodi che limitano la loro libertà di sguardo e di pensiero. (The Vision)

Ne parlano anche altri media

Il problema è l’ideologia dell’infantilizzazione coatta di chi in nome della tutela universale, viene privato dei frutti della libertà d’espressione, della libertà di ricerca, della libertà dell’arte, della letteratura, del cinema. (L'HuffPost)

Come spiega Gabriele Niola nel nostro podcast, definire il divieto ai minori di 18 anni al film La scuola cattolica di Stefano Mordini, una “censura” è tecnicamente sbagliato. Cosa che è avvenuta anche per La scuola cattolica. (BadTaste.it)

Commissione che si è occupata una decina di giorni fa di formulare un giudizio negativo su La Scuola Cattolica. La conferma metodologica sulla valutazione toccata in sorte al film di Stefano Mordini arriva dal blog di Alberto Farina. (Il Fatto Quotidiano)

Edoardo Albinati su La scuola cattolica: «La censura al film? Il Trono di Spade è più violento»

I luoghi in cui è girato La scuola cattolica assumono un valore importante, offrendo alle vicende uno sfondo che non riesce mai ad essere solare o accogliente. (Nocturno)

C’entra una sua teoria sull’identità, lui che dice «per me, Edoardo Albinati è solo un nome sul passaporto», ma ve la racconto dopo. Ma gli errori capitano: essere troppo o troppo poco presente, dare troppe indicazioni o non darne abbastanza». (Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr