Arresti a Bibione, la moglie di Morsanuto: «Impossibile, mio marito non è un mostro»

la Nuova di Venezia INTERNO

Ieri mattina, attorno alle 9, gli inquirenti erano appena andati via, con suo marito in stato di arresto.

Giuseppe Morsanuto, fuori dal consiglio, ha condotto un’opposizione tenace fino al 2015, quando venne eletto presidente Ascom di San Michele

È stato per un decennio il punto di Forza Italia a San Michele, aderendo al Pdl e poi restando fedele a Berlusconi dopo la scissione.

Sabrina è la moglie di Giuseppe Morsanuto. (la Nuova di Venezia)

Ne parlano anche altri media

In particolare hanno impedito ad alcuni ambulanti con minacce e intimidazioni di aprire i propri banchi di vendita. Il disegno, secondo la procura antimafia di Trieste, era quello di allontanare altri ambulanti scomodi per prendere il controllo delle attività commerciali non fisse sulla piazza di Bibione (Il Piccolo)

In particolare, nel 2019, un episodio di pestaggio a carico di un commerciante sarebbe stato ripreso da alcune telecamere. Si tratta di un metodo di intimidazione affine a quello di associazioni malavitose collegabili a una famiglia affiliata alla Camorra” (TriestePrima)

Camorra a Bibione, arrestato il presidente Ascom Morsanuto: ecco la perquisizione. Un altro gruppo di investigatori ha guidato i cani anti armi del Nucleo guastatori dell’Esercito in alcune zone. (la Nuova di Venezia)

A finire in manette anche il presidente dell’Ascom, l’associazione dei commercianti, di Bibione in provincia di Trieste: Giuseppe Morsanuto, 55 anni. Raid armati e estorsioni contro gli ambulanti: la mano della camorra sulla Fiera di Bibione in provincia di Venezia. (Cronache della Campania)

Mercoledì 15 Settembre 2021, 09:52 - Ultimo aggiornamento: 10:14. Lo dice il presidente della commissione Antimafia Nicola Morra dopo gli arresti scattati a Trieste (ilmessaggero.it)

Lo sostiene il presidente della commissione Antimafia Nicola Morra dopo gli arresti scattati a Trieste Il personale della Direzione Investigativa Antimafia e del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Trieste hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di numerosi soggetti legati ad un clan di camorra. (Internapoli)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr