Caldo record, siccità, grandinate: l'estate italiana del clima estremo

Articolo Precedente

next
Articolo Successivo

next
la Repubblica INTERNO

Una Italia divisa in due ma ancora unita dalla stessa emergenza: quella della siccità.

Ieri, come allertato dalla Protezione civile con un allarme arancione, temporali violenti hanno colpito la Valchiavenna, Torino, Sondrio, alcune aree di Piemonte, Lombardia e Trentino portando vento, forti grandinate e distruggendo raccolti ma senza garantire - secondo gli esperti - quell'acqua sufficiente per alleviare la morsa della terribile crisi idrica che attanaglia il Paese

Chicchi di grandine grossi come palline da golf al Nord, temperature ancora intorno ai quaranta gradi al Sud. (la Repubblica)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Per quanto riguarda i prossimi mesi, infatti, “i modelli previsionali stagionali concordano nel preannunciare un’estate con temperature molto probabilmente sopra la media, che incideranno sull’evapotraspirazione (evaporazione dal suolo e da fiumi, laghi e bacini; traspirazione delle piante), e più secca della media“. (OglioPoNews)

ONDATA DI GRANDINE FRUTTETI DEVASTATI A preoccupare l’associazione è soprattutto la grandine che ha colpito in Piemonte nel Biellese e in Val d’Aosta dove ha devastato la zona della Bassa Valle, con danni fino al 100% su frutteti, vigneti e coltivazioni DAI FORTI TEMPORALI SOLTANTO DANNI Sebbene la pioggia sia attesa per combattere la siccità nelle campagne, per essere di sollievo deve durare a lungo, cadere in maniera costante e non troppo intensa. (QUOTIDIANO NAZIONALE)

Banco Alimentare dal 1989 recupera le eccedenze della filiera agroalimentare per ridistribuirle a 7.612 organizzazioni che offrono aiuti a quasi 1.700.000 persone e famiglie in difficoltà. L’attività è svolta da 21 Banchi territoriali coordinati da Fondazione Banco Alimentare Onlus (Corriere di Lamezia)

Tra l’altro non va dimenticato che questo caldo anomalo è iniziato molto presto e ci accompagna già da metà Maggio. Nessuno ha la bacchetta magica, ma dobbiamo ammettere il momento di un’eventuale ribaltone meteo, qualora un’irruzione fresca nord-atlantica entri repentina sull’Italia (Meteo Giornale)

Ma oltre al gran caldo, nelle prossime ore bisognerà fare molta attenzione al forte maltempo che colpirà il Nord, e in modo particolare il Nord/Ovest. Il maltempo mantiene le temperature molto più basse, tanto che a Torino abbiamo appena +25°C mentre la vicina Milano è a +30°C. (MeteoWeb)

Secondo i dati Istat del 2019, le acque sotterranee garantiscono l’84% del fabbisogno idropotabile (48% da pozzi e 36% da sorgenti), oltre a coprire una parte significativa delle esigenze agricole e industriali. (Quotidiano di Ragusa)