Coronavirus a Bergamo, ad Arcene la variante inglese. Il sindaco: «Se peggiora, zona rossa»

Coronavirus a Bergamo, ad Arcene la variante inglese. Il sindaco: «Se peggiora, zona rossa»
Corriere Bergamo - Corriere della Sera INTERNO

Fiato sospeso soprattutto ad Arcene dove anche ieri i contagi in paese erano a quota 60 contro i 63 della punta massima toccata domenica, circa 1,25% dei residenti.

Nel paese bergamasco da ieri c’è una certezza in più: è presente la variante inglese del virus.

Il calo di attenzione sul virus lo registra anche Covo, 4.100 abitanti, dove il sindaco Andrea Capelletti ieri ha lanciato un duro monito sui social

L’ipotesi è che anche Arcene possa essere inserita tra i Comuni zona rossa. (Corriere Bergamo - Corriere della Sera)

La notizia riportata su altri giornali

I dati di oggi:. - i tamponi effettuati: 35.149 (di cui 22.540 molecolari e 12.609 antigenici) totale complessivo: 6.418.047. - i nuovi casi positivi: 2.480 (di cui 89 ‘debolmente positivi’). - i guariti/dimessi totale complessivo: 500.390 (+1.091), di cui 3.548 dimessi e 496.842 guariti. (L'Eco di Bergamo)

Le nuove restrizioni in zona arancione rafforzata. seconde case) ubicate in territori della Provincia di Brescia e dei predetti Comuni (Valseriana News)

Zona arancione rafforzata: regole e divieti. Bergamo, 23 febbraio 2021 - L'ipotesi si è fatta certezza: zona arancione rafforzata in 7 Comuni in provincia di Bergamo: a Sarnico, Viadanica, Predore, Villongo, Castelli Calepio, Credaro e Gandosso. (IL GIORNO)

La variante inglese già in 22 comuni «È solo la punta dell'iceberg»

Utilizziamo però la strategia vaccinale come strumento di contenimento della diffusione, concentrandoci verso quelle fasce, quei comuni, quelle province e distretti che sono più critici. (Corriere Bergamo - Corriere della Sera)

Arriveremo a una media di 2.000 e 2.500 cittadini vaccinati ogni giorno sia in provincia di Brescia che a Bergamo». Saranno circa 24 mila in tutto le dosi di vaccini che saranno somministrate agli over 60 da giovedì in pochi giorni nei Comuni al confine tra Bergamo e Brescia scelti per questa prima fase del nuovo piano vaccinale in Lombardia. (Corriere della Sera)

La variante inglese s’è fatta strada anche nella Bergamasca. Anche perché: Ats Bergamo – che da fine dicembre ha richiesto il sequenziamento di 88 tamponi – dà sì conferma di «soli» 42 casi di variante inglese (e due di “brasiliana”, entrambi viaggiatori, entrambi già negativizzati), ma il dato indica verosimilmente solo la punta dell’iceberg. (L'Eco di Bergamo)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr