LIVE Giro del Veneto 2021 in DIRETTA: vince Xandro Meurisse! 2° Trentin, beffa per Dainese

LIVE Giro del Veneto 2021 in DIRETTA: vince Xandro Meurisse! 2° Trentin, beffa per Dainese
OA Sport SPORT

16:17 Si riporta sul gruppo di testa un ulteriore gruppo di 7 corridori con Matteo Trentin, Diego Ulissi e Alberto Dainese.

Amiche e amici di OA Sport, appassionati di ciclismo, benvenuti alla Diretta LIVE del Giro del Veneto 2021!

14:09 Corridori subito impegnati in un altro tratto di salita, che porterà al GPM di San Giovanni in Monte.

i conclude con la vittoria di Xandro Meurisse della Alpecin-Fenix questo gran ritorno del Giro del Veneto. (OA Sport)

Su altre fonti

00:00:49, Ieri A 15:15 Dainese 3°: rivivi la volata. GIRO DEL VENETO - Dopo il ko di qualche giorno fa alla Coppa Agostoni contro Lutsenko, Trentin fa ancora 2°. (Eurosport IT)

Restando in ambito WorldTour, va poi segnalato il mancato rinnovo di Ian Garrison con la Deceunink QuickStep. Social Facebook. Twitter. Stumbleupon. LinkedIn. Pinterest. Continuano i movimenti di ciclomercato in questo finale di stagione. (SpazioCiclismo)

Dopo nove anni di ‘digiuno’ il Giro del Veneto è tornato in scena nel calendario italiano del ciclismo. Giova ricordare che l’ultimo sigillo prima della gara di oggi era stato posto nel 2012 da Oscar Gatto. (OA Sport)

Giro del Veneto 2021, Xandro Meurisse: "Sapevo di potermela giocare in uno sprint ristretto"

Il vantaggio dei tre è sempre stato nell’ordine dei 10 secondi sceso ulteriormente nei pressi del traguardo dove Meurisse ha battuto un Trentin generosissimo. (La Gazzetta dello Sport)

A riportarsi su di loro è Lutsenko, ma subito Trentin rilancia, con Dainese pronto a reagire. All’inizio dell’ascesa di Roccolo, ultima salita di giornata, Gavazzi viene però riassorbito da un gruppo composto ormai da circa 25 unità, che salendo verso la vetta vede gli attacchi di Alessandro Covi (UAE Team Emirates), Marc Hirschi (UAE Team Emirates) e Alexey Lutsenko (Astana-Premier Tech). (SpazioCiclismo)

Nel rettilineo finale Meurisse è stato semplicemente il più forte, con l’azzurro che si è rialzato sconsolato negli ultimi 30 metri. Potevo anche non spingere troppo: nel gruppo alle nostre spalle c’erano ancora Kristian Sbaragli e Ben Tulett ma sapevo di potermela giocare in uno sprint ristretto, come al Tour di due anni fa dove ho ottenuto due piazzamenti“ (OA Sport)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr