Variante Delta, ecco quali sono i sintomi più diffusi

Variante Delta, ecco quali sono i sintomi più diffusi
il mattino di Padova SALUTE

Insomma, l’insorgere del contagio da variante Delta potrebbe presentare tratti in comune con un banale raffreddore.

Starnuti, naso che cola, tosse, mal di gola: spesso compaiono 4 o 5 giorni dopo il contatto con un positivo.

Così, spiega Andreoni, «vediamo sempre più spesso giovani con Covid che presentano sintomi come, ad esempio, la perdita dell'olfatto e del gusto

Starnuti, naso che cola, tosse, gola infiammata, mal di testa e perdita del gusto: questi i sintomi più diffusi della variante Delta del Covid-19, la mutazione che, secondo gli scienziati, sarà responsabile del 90% delle nuove infezioni da coronavirus entro la fine di agosto 2021. (il mattino di Padova)

Se ne è parlato anche su altre testate

Cronaca. Lazio, il Covid circola tra i giovani: colpito solo il 5% degli over 50. di LatinaQuotidiano.it. 21 luglio 2021. Il Covid circola soprattutto tra i giovani. Intanto si raggiungono le 6,4 milioni di somministrazioni di vaccino. (LatinaQuotidiano.it)

Le Terapie Intensive hanno visto un occupazione di -7 posti a fronte -5 ricoveri. Ad essere effettuati oggi sono stati 235,097 tamponi con un tasso di positività pari al 1,8% (CrotoneOK.it)

Questo significa che il virus sta circolando soprattutto tra i giovani ed è indispensabile che si vaccinino, per due motivi: contribuire a ridurre la diffusione e raggiungere l’obiettivo dell’immunità di gregge che significa la messa in sicurezza dell’intera comunità”, sottolinea l’Unità di crisi della Regione aggiungendo: “Oggi arriviamo a 6,4 milioni di somministrazioni di vaccino e registriamo 0 decessi a testimonianza che la vaccinazione riduce le complicazioni”. (Padova News)

Variante Delta Lazio, "è sopra il 60%"

La nuova variante Delta del Covid può colpire chi ha fatto il vaccino? Cautela nei confronti della mutazione Delta del Covid perché può colpire persino chi ha fatto le due dosi del profilassi. (BeFan)

“L’incidenza nel Lazio dei casi positivi ogni 100mila abitanti nella fascia di popolazione over 50 rappresenta meno del 5% ed è più bassa di almeno 10 volte l’incidenza complessiva. (Italia Sera)

Lo evidenzia l’Unità di crisi della Regione che in una nota: evidenzia “Si stanno sequenziando il 100% dei casi positivi e la variante Delta ad oggi è superiore al 60%, per questo è importante vaccinarsi e completare il ciclo vaccinale”. (Entilocali-online)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr