Città segrete, alla scoperta di Venezia con Corrado Augias

Città segrete, alla scoperta di Venezia con Corrado Augias
Corriere dell'Umbria CULTURA E SPETTACOLO

La puntata di Città segrete aiuta a comprendere meglio e a conoscere l'amata città lagunare.

Città segrete è l'occasione per vederla ancora più da vicino

Corrado Augias consente questa sera al pubblico di conoscere meglio le calli, i campi, i canali, i principali monumenti e le opere d'arte.

Nella serata di oggi permetterà ai telespettatori di conoscere meglio una delle città italiane più amate nel mondo: Venezia (Corriere dell'Umbria)

La notizia riportata su altri giornali

A pochi giorni dalla celebrazione dell'anniversario della sua fondazione, 1.600 anni, Corrado Augias farà conoscere al pubblico le calli, i campi, i canali, i monumenti, le opere d’arte, i segreti di Venezia (RAI - Radiotelevisione Italiana)

Città segrete: Corrado Augias ci (ri)porta a Venezia lunedì 5 aprile. Città Segrete questo weekend farà un doppio appuntamento: lunedì 5 aprile in prima serata su Rai3 Corrado Augias torna con la replica di Venezia, dopo la puntata dedicata a Palermo del 3 aprile. (MAM-e)

A pochi giorni dalla celebrazione dell'anniversario della sua fondazione, 1.600 anni, Corrado Augias farà conoscere al pubblico le calli, i campi, i canali, i monumenti, le opere d’arte, i segreti di Venezia (RagusaNews)

La polemica su Palermo in tv: se la narrazione si ferma ai miti e mafia

Città segrete Venezia stasera. Città segrete torna stasera alle 21.20 su Rai 3 con una puntata straordinaria dedicata alla città di Venezia. Visitare le più iconiche città italiane comodamente da casa, sotto la guida di Corrado Augias (The Wam)

Mi accorsi però che in quegli anni New York aveva meno appeal della prima volta». «Venni assunto come capo degli spettacoli, ma sapendo che ero stato a New York, dopo un po’, mi offrì il posto di corrispondente». (la Repubblica)

E forse racconta anche di una più vasta comunità protagonista quotidiana di un romanzo corale vissuto con difficoltà, per dirla con Sciascia. Forse bisogna fare uno sforzo perché nell’immaginario nazionale penetrino altri tratti identitari di Palermo, non meno ghiotti dell’incantamento di Goethe o dell’epopea dei Florio. (La Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr