L’app Anom hackerata dall’FBI, centinaia di arresti nel mondo. Le comunicazioni criptate sono davvero sicure?

L’app Anom hackerata dall’FBI, centinaia di arresti nel mondo. Le comunicazioni criptate sono davvero sicure?
Per saperne di più:
HelpMeTech ESTERI

Ma non può essere escluso che l’operazione sia collegata alle intercettazioni di conversazioni legate all’app Anom

Lapp veniva utilizzata da organizzazioni criminali per concertare le strategie delle loro attività, senza farsi troppi problemi di coperture e di parole in codice.

L’app Anom è una delle piattaforme più utilizzate in tutto il mondo per scambiare messaggi coperti da anonimato e sicurezza è stata hackerata e sotto controllo dell’FBI ha portato a centinaia di arresti nel mondo. (HelpMeTech)

La notizia riportata su altri giornali

Un blitz guidato dall'FBI ha portato all'arresto di centinaia di sospetti personaggi della criminalità organizzata in tutto il mondo grazie ad un'app di messaggistica crittografata, hanno annunciato martedì le autorità australiane, citate da Axios. (Sputnik Italia)

La polizia australiana è stata tra le prime a presentare i risultati di Operazione Ironside. Martedì 8 giugno 2021 - 08:19. Centinaia di arresti in 18 paesi del mondo (grazie all’app An0m). Oltre 200 persone arrestate solo in Australia. (askanews)

Lo ha detto nel corso di una conferenza stampa il vice direttore delle operazioni di Europol, Jean-Philippe Lecouffe. Oltre 800 arresti in Ue, Usa, Australia e Nuova Zelanda Keystone. (Bluewin)

Maxioperazione mondiale contro la criminalità, grazie alla “app spia”

La polizia australiana l’ha definita l’operazione “più sofisticata del mondo” insieme all’Fbi. Karen Andrews, ministra dell’Interno australiana: “Ci sono stati più di 200 trasgressori che sono stati accusati e le accuse formulate ammontano a più di 500. (Yahoo Notizie)

Condividi Con. Pinterest Linkedin VK email Print Centinaia di persone sono state arrestate in diverse parti del mondo in una massiccia operazione contro la criminalità organizzata, grazie all’infiltrazione della polizia in un’app utilizzata per scambiare messaggi in codice tra criminali. (Telemia)

Le indagini hanno permesso di incriminare uomini legati ai cartelli della droga sudamericani, alle triadi asiatiche e alle organizzazioni criminali mediorientali ed europee. A incastrare i criminali, coinvolti in traffici di droga, armi, omicidi e reati di vario tipo, è stata una App chiamata ANoM, utilizzata per inviare e ricevere messaggi criptati. (The Italian Times)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr