AstraZeneca, l'Alto Adige segue le raccomandazioni Aifa: si apre agli over 65

AstraZeneca, l'Alto Adige segue le raccomandazioni Aifa: si apre agli over 65
Alto Adige SALUTE

Allo stesso tempo, l’Azienda sanitaria apre le prenotazioni per le vaccinazioni agli over 65

L‘Azienda sanitaria dell'Alto Adige fa proprie le raccomandazioni dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA), secondo le quali la vaccinazione con AstraZeneca dovrà essere somministrata solo a persone di età superiore ai 60 anni.

L’Azienda sanitaria dell'Alto Adige segue queste raccomandazioni.

L'Agenzia Europea dei Medicinali ha dato il via libera alla somministrazione del vaccino AstraZeneca per tutte le fasce d'età. (Alto Adige)

Ne parlano anche altre fonti

Nel pacchetto rientra Johnson&Johnson, che sì è monodose, ma per ora invierà solo 500mila fiale, posticipando a maggio il vero sprint. Contando anche i richiami, si tratta nella migliore delle ipotesi di 8 milioni di dosi destinate a rimanere inutilizzate (Il Fatto Quotidiano)

Germania e Spagna hanno deciso uso sopra i 60 anni e la Francia sopra i 55 anni di età .La posizione di fatto decisa dal ministro Speranza dopo un confronto è stato quello di raccomandare uso preferenziale nei soggetti oltre 60 anni di età. (Il Giornale di Vicenza)

Parola di Giovanni Di Perri, professore e responsabile delle Malattie infettive all'ospedale Amedeo di Savoia di Torino, in un'intervista alla 'Stampa'. "Guardi, Draghi ha fatto bene a dirlo: basta con le interpretazioni regionali. (Adnkronos)

Astrazeneca e trombosi, Ema: i sintomi cui prestare attenzione

“Chi ha già ricevuto una prima dose Vaxzevria, può completare il ciclo col medesimo vaccino“. . 🔊 Ascolta l'audio. Il vaccino Vaxzevria di AstraZeneca è approvato dai 18 anni d’età ma ne è raccomandato un uso preferenziale per le persone con più di 60 anni. (News Rimini)

Ecco dunque quali sono i campanelli di allarme da tenere sotto controllo dopo aver fatto il vaccino. Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati (ilmattino.it)

Ema su AstraZeneca: "L'età e il sesso non sono fattori di rischio". Il Comitato per la sicurezza di Ema sostiene inoltre che la maggior parte dei casi rari di trombosi, in chi si è vaccinato con AstraZeneca: "Si è verificata in donne con un'età inferiore ai 60 anni e dopo due settimane dalla vaccinazione. (Corriere dello Sport.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr