Spuntano online le prime immagini degli occhiali smart di Ray-Ban e Facebook

DDay.it - Digital Day SCIENZA E TECNOLOGIA

Gli occhiali smart AR di Facebook e Ray-Ban arrivano il 9 settembre Vai all'approfondimento. Nessuna conferma o smentita, però, sulle funzionalità in realtà aumentata degli occhiali

Il nome dovrebbe essere Ray-Ban Stories e saranno proposti in tre diversi modelli che ricalcano alcune delle iconiche linee Ray-Ban.

Queste informazioni fanno il paio con le dichiarazioni di Mark Zuckerberg di qualche tempo fa, in cui il CEO di Facebook dichiarava che gli occhiali smart avrebbero mantenuto l’iconico design Ray-Ban. (DDay.it - Digital Day)

Su altre fonti

Ma cosa possono fare questi nuovi occhiali intelligenti? Quando azioneremo le telecamere – proprio per avvertire chi ci sta davanti che stiamo riprendendo quello che stiamo vedendo – si accenderà una luce led bianca (QUOTIDIANO NAZIONALE)

E invece la realtà, con i Ray-Ban Stories, ha superato di gran lunga la fantasia. Chi mai avrebbe pensato che poter indossare un paio di occhiali in grado di scattare foto, girare video, registrare audio e riprodurre suoni e voce durante una telefonata fosse un gesto alla portata di tutti? (Vogue Italia)

Ray-Ban Stories Integrano due fotocamere da 5 megapixel agli apici superiori per scattare foto e registrare video, che si gestiscono attraverso la nuova app Facebook View su iOS e Android. (RSI.ch Informazione)

Un po’ a sorpresa sono disponibili sul mercato gli occhiali smart, intelligenti, realizzati dall’interessante collaborazione fra EssilorLuxottica, leader mondiale della produzione di occhiali, e Facebook. (Il Sussidiario.net)

L’ultima è stata presa dal West Bromwich Albion che ha bannato a vita dallo stadio, e dalle attività coinvolgenti il club, un tifoso di 50 anni che aveva inviato un messaggio d’insulti al giocatore Romaine Sawyers sui social. (Calcio In Pillole)

Ray-Ban e Facebook potrebbero effettivamente stravolgere il mercato realizzando un prodotto imperdibile Sono ricoperte dal classico logo di Ray-Ban, ma non c’è traccia di alcun marchio proprietario di Facebook, tranne che sulla scatola. (NewsDigitali)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr