Coronavirus, l'Unione europea riapre le frontiere a 15 paesi

Coronavirus, l'Unione europea riapre le frontiere a 15 paesi
7giorni 7giorni (Esteri)

I criteri per determinare i Paesi terzi per i quali l'attuale limitazione di viaggio dovrebbe essere revocata riguardano la situazione epidemiologica e le misure di contenimento adottate.

Questi sono Algeria, Australia, Canada, Georgia, Giappone, Montenegro, Marocco, Nuova Zelanda, Ruanda, Serbia, Corea del Sud, Thailandia, Tunisia, Uruguay e Cina

La notizia riportata su altre testate

Possono, in piena trasparenza, eliminare solo progressivamente le restrizioni di viaggio verso i paesi elencati. Speranza: "Per arrivi extra-Schengen resta la quarantena". Condividi. L'Unione europea riapre, dal primo luglio, le sue frontiere esterne a 15 Paesi terzi, con previsto aggiornamento della lista ogni due settimane. (Rai News)

Fine della finestrella. L'Ue ha dato il via libera ad una ristretta lista di paesi terzi. Per informazioni relative a tale utilizzo dei contenuti del sito web, si prega di contattarci all’indirizzo contact@swissinfo. (tvsvizzera.it)

Inoltre, quella emessa da Bruxelles è una “raccomandazione”, provvedimento che lascia ai singoli stati dell’Unione la responsabilità della sua attuazione. Come prevedibile, l’Unione Europea tiene chiuse le sue frontiere nei confronti di numerosi Paesi di altri continenti. (SpazioCiclismo)

L'accordo tra gli Stati membri sui 15 Paesi a cui riaprire non è che un impegno politico. Altri membri dell'Ue potrebbero adottare delle disposizioni simili, costringendo quindi i viaggiatori a rimanere in quarantena per due settimane dopo il loro arrivo. (Fanpage.it)

La crisi sanitaria scatenata dalla pandemia da COVID-19 e le sue ripercussioni sull'economia globale hanno radicalmente modificato il modo in cui l'opinione pubblica europea percepisce gli Stati Uniti, riferisce il quotidiano inglese The Guardian. (L'AntiDiplomatico)

Si aprono le frontiere esterne dell’Unione Europea a 15 Paesi. La novità sarà attivata da mercoledì 1° luglio e riguarderà gli Stati extra UE che i 27 membri hanno considerato più sicuri dal punto di vista dell’epidemia. (Money.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr