Pasqua di controlli e paura «Stop a cene, pranzi e feste»

Pasqua di controlli e paura «Stop a cene, pranzi e feste»
La Sentinella del Canavese ECONOMIA

perloz. . Sarà una Pasqua di controlli, paura e speranze.

È un po' quello che si paventava per le feste di Natale e Capodanno.

Ognuna delle 12 persone presenti alla cena - sottolinea Bongiorno - era poi risultata positiva.

Abbiamo quindi provveduto all’acquisto di due tende degli abbracci una per ogni microcomunità»

A contagiare tutti era stata la nonna, che l'indomani era emersa come la prima sintomatica» - ha raccontato all’Ansa. (La Sentinella del Canavese)

La notizia riportata su altre testate

Domani ne saranno consegnate, del vaccino AstraZeneca, 6400 dosi a Cambiano, 12.100 a Rivoli e 10.700 ad Ivrea. (QC QuotidianoCanavese)

Lo scopo è lanciare un messaggio di speranza proprio da chi ne sta risentendo maggiormente: i bambini. «Il progetto - spiega la promotrice dell’iniziativa, Manuela Amosso -, nasce in periodo di pandemia, nel pieno del secondo lockdown nazionale. (La Sentinella del Canavese)

Ma comprende anche il rifacimento della rotonda all’altezza del cimitero e viale Brunetta d’Usseaux nella frazione Tonengo. Ma pronto a partire è anche l’intervento di messa in sicurezza in via Garibaldi, nella frazione Tonengo di Mazzè. (La Sentinella del Canavese)

RIVAROLO - Il covid si è portato via Giovanni Secola: un uomo buono e generoso, amico di tutti

L’impatto è risultato fatale per i due animali che si trovavano sulla strada Ad accorgersi dei due animali privi di vita e riversi nel fossato lungo la statale di via Aosta, all’altezza del numero civico 50 una pattuglia della Polizia municipale di Ivrea. (La Sentinella del Canavese)

ZONA ROSSA. I dati confermano il Piemonte in zona rossa fino all'11 aprile. Come già successo in primavera ci corre l'obbligo di sottolineare che i dati (pubblici) sono forniti dall'unità di crisi della Regione Piemonte e, in determinate situazioni, possono differire da quelli diffusi dai singoli Comuni. (QC QuotidianoCanavese)

Ho visto una terapia intensiva con medici competenti, scrupolosi e pieni di affetto nei miei confronti «Il mio papà Giovanni Secola è mancato lo scorso 1 aprile, ricoverato in terapia intensiva per covid dal 20 marzo. (QC QuotidianoCanavese)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr