Più che raddoppiati i contagi di West Nile In una settimana 94 casi e 7 decessi

Più che raddoppiati i contagi di West Nile In una settimana 94 casi e 7 decessi
QUOTIDIANO NAZIONALE SALUTE

Dall’inizio di giugno 2022, sono state confermate 94 persone contagiate (42 la settimana prima), di cui 55 hanno avuto una forma grave e neuro-invasiva, mentre 7 sono morte".

"Sono più che raddoppiati nell’ultima settimana" in Italia i casi di infezione da West Nile Virus nell’uomo.

Lo indica il bollettino, aggiornato al 2 agosto, realizzato dall’Istituto Superiore di Sanità sull’attività di sorveglianza del virus West Nile, per il quale non esiste un vaccino e che "nei casi più gravi, circa 1 su mille può causare un’encefalite letale". (QUOTIDIANO NAZIONALE)

La notizia riportata su altri media

•un uomo di 66 anni di Maserà di Padova, in Terapia Intensiva. Sei nuovi casi accertati di West Nile nell’arco di 24 ore. (Il Mattino di Padova)

Attualmente sono allo studio dei vaccini, ma per il momento la prevenzione consiste soprattutto nel ridurre l'esposizione alle punture di zanzare". Le analisi molecolari eseguite hanno identificato la circolazione del Wnv Lineage 1 e Lineage 2 (ForlìToday)

West Nile, per l’Iss casi raddoppiati in una settimana in Italia: l’elenco delle regioni a rischio Il bollettino aggiornato della situazione West Nile in Italia dell’Istituto superiore di Sanità: 94 casi confermati da inizio giugno, raddoppiati in una settimana. (Fanpage.it)

West Nile, primo cluster nel veneziano: il Comune distribuisce un prodotto larvicida a ogni cittadino

Che cos'è il virus West Nile. Come riporta l'Istituto superiore di sanità, la febbre West Nile è una malattia provocata dal virus isolato per la prima volta nel 1937 in Uganda, appunto nel distretto da cui prende il nome. (VicenzaToday)

Salgono a nove i polesani colpiti dal West Nile, di cui cinque affetti dalla forma neuro-invasiva della malattia. Tanto in Polesine quanto a Treviso segnalati nove casi (in entrambe le province con 5 casi neuro-invasivi), seguono Venezia con sette (due neuro-invasivi), Vicenza con tre, tutti di febbre del Nilo, e Verona con due (un neuro-invasivo) (RovigoInDiretta.it)

Per questa ragione, l'Amministrazione comunale corre ai ripari e annuncia la distribuzione gratuita di un prodotto larvicida per fronteggiare la possibile emergenza. I due casi ravvicinati (il 55enne di Camponogara e il 65enne di alcuni giorni fa) hanno fatto scattare il primo cluster nella provincia di Venezia. (ilgazzettino.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr