Regioni a rischio Zona Gialla e Green Pass: “Senza 400 euro di multa e 5 giorni di chiusura”

Regioni a rischio Zona Gialla e Green Pass: “Senza 400 euro di multa e 5 giorni di chiusura”
Il Riformista INTERNO

Cinque giorni di chiusura per i gestori e 400 euro per i clienti sprovvisti di certificazione verde, ridotti a 260 se la contravvenzione viene pagata entro il quinto giorno.

Il decreto dovrebbe contenere anche i nuovi parametri per i passaggi da una fascia di rischio a un’altra.

Quanto all’incidenza dei casi per singola Regione, nessuna sfora quota 50, soglia per entrare in zona gialla

Quindi non si tratterebbe di una sorta di “obbligo vaccinale”, come sollevato in questi giorni di dibattito. (Il Riformista)

Ne parlano anche altri media

Grazie in particolare ai vaccini, però, ad un aumento dei nuovi casi non corrisponde un aumento parallelo delle ospedalizzazioni: è per quanto motivo che, diversi presidenti di Regione, hanno chiesto una revisione dei criteri per il cambio di colore delle Regioni. (Centro Meteo italiano)

L’intenzione, infatti, è quella di mantenere il paese in zona bianca almeno fino al 15 agosto per non rovinare la stagione turistica che sperava in una ripresa. Il rischio, però, che dalla prossima almeno qualcuna passi in zona gialla è concreto se nel nuovo decreto non saranno definiti i nuovi parametri. (Investire Oggi)

Il motivo è piuttosto semplice: la crescente diffusione della variante Delta su tutto il territorio nazionale sta causando un'impennata dei contagi. E a Ostia un. GRECIA Mykonos, coprifuoco sino alle 6 del mattino: vietata la musica nei. (Quotidiano di Puglia)

Covid, allo studio nuovi parametri per il cambio colore: i dettagli

Per chi viaggia il green pass sarà indispensabile. È su queste due attività che il governo sembra aver chiuso l’accordo per varare il decreto che rende obbligatorio il green pass. (TGNEWS24)

Zona gialla: le Regioni a rischio. Secondo i dati dell’Istituto superiore della sanità, in Italia crescono l’indice Rt, allo 0,91, e l’incidenza. Cinque le regioni a rischio: Sardegna e Sicilia, che hanno un’incidenza rispettivamente di 33.2 e 31.8, Veneto, al 26.7, Lazio con un’incidenza di 24 casi ogni 100mila abitanti, e della Campania, con 21.7. (Diritto.it - Il portale giuridico online per i professionisti)

Un dato però resta confortante, quello delle ospedalizzazioni dove non si è registrata un’impennata dei posti letto occupati grazie anche ai vaccini. Il timore che alcune zone del paese possano ripiombare nelle restrizioni c’è. (Vesuvius.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr