Carneficina in strada a Beirut, cecchini sparano sui manifestanti: 6 morti e 30 feriti

Carneficina in strada a Beirut, cecchini sparano sui manifestanti: 6 morti e 30 feriti
Più informazioni:
Il Riformista ESTERI

Per Hezbollah e Amal, i due partiti armati libanesi, “cecchini” hanno cominciato a sparare per primi e hanno denunciato “l’aggressione” da parte di “gruppi armati organizzati”.

I due movimenti sciiti accusano Tarek Bitar di prendere di mira soprattutto politici alleati a loro negli interrogatori: e quindi di essere di parte

Sono morte almeno sei persone e più di trenta sono state ferite dai colpi di arma da fuoco. (Il Riformista)

Ne parlano anche altre testate

Tutto è partito da una manifestazione dei due principali partiti sciiti, Hezbollah e Amal. Il corteo ha poi raggiunto la rotonda Tayouneh, un incrocio che divide Chiya da Ain Al Remmeneh, quartiere a maggioranza cristiano maronita. (InsideOver)

Con una nota Hezbollah e Amal, movimenti sciiti, accusano "gruppi legati" alle Forze libanesi, partito guidato dal cristiano maronita Samir Geagea. Il violento attacco avvenuto nella capitale libanese ha lasciato sul campo sei morti e 32 feriti, secondo un bilancio confermato dal ministero della Salute. (Sky Tg24 )

Colpi di arma da fuoco durante una manifestazione nelle strade di Beirut, capitale del Libano, dove si conta la morte di almeno sei persone e trenta feriti. "Il clima in città è molto teso e ci sono numerosi militari dispiegati in diverse zone. (Today.it)

Tarek Bitar, il magistrato che in Libano vuole portare a processo la classe politica

E’ il golpe permanente; non serve che Nasrallah entri in persona nei palazzi del potere Il golpe dunque deve essere permanente, le imminenti elezioni politiche cancellate, il Libano deve dissolversi in un’apparenza mentre esiste solo Hezbollah. (articolo21)

resce il bilancio delle vittime nel corso della manifestazione organizzata da Hezbollah e Amal contro Tarek Bitar, il giudice istruttore che indaga sull'esplosione porto di Beirut. Il ministro dell'Interno libanese, Bassam Maulawi ha confermato che sei manifestanti sciiti sono morti dopo essere state raggiunti da colpi d'arma da fuoco esplosi da "cecchini" durante le proteste a Beirut. (AGI - Agenzia Italia)

Tarek Bitar, il magistrato che in Libano vuole portare a processo la classe politica di Gabriella Colarusso. Supporter di Hezbollah protestano contro la sede dell'ambasciata americana a Beirut chiedendo la rimozione del giudice Bitar che indaga che sull'esplosione al porto di Beirut del 4 agosto 2020. (La Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr