Doccia fredda per la Toscana, Astrazeneca riduce le forniture di vaccini - Luccaindiretta

Luccaindiretta ECONOMIA

La macchina viaggia e può andare ancora più veloce ma serve la benzina”.

In Toscana nessuna dose viene sprecata o ritardata, siamo anche tra coloro che hanno somministrato più vaccini AstraZeneca in Italia.

Senza vaccini non si vaccina.

AstraZeneca riduce, le forniture dei vaccini contro il Covid-19. La prossima fornitura riservata alla Regione Toscana sarà di 26mila 400 dosi, contro le 44mila 500 previst. (Luccaindiretta)

Su altre testate

In Italia sono un milione la dosi di vaccino Astrazeneca in attesa di essere utilizzata per contrastare il contagio da coronavirus. La percentuale utilizzata è pari al 22,40 su una base disponibile del 77. (AbruzzoLive)

Sono già 44mila le persone coperte con il medicinale dell’azienda inglese e nel giro di un paio di giorni le dosi disponibili saranno finite. I decessi sono stati invece 17 (11 uomini e 6 donne). (La Repubblica Firenze.it)

Così in una nota AstraZeneca risponde alle notizie su una possibile riduzione di dosi nel nostro Paese. Prevediamo infatti che circa la metà delle dosi previste provengano dalla catena di approvvigionamento europea nella quale stiamo continuando a lavorare per aumentarne la produttività". (AGI - Agenzia Italia)

Ci sono regioni importanti, come Lombardia, Piemonte e Calabria, in cui la somministrazione di AstraZeneca di fatto non è partita. Se, infatti, sul totale dei tre vaccini disponibili, più di una dose su quattro (quasi il 30% di quelle consegnate) rimane nei frigoriferi, guardando solo ad AstraZeneca il rapporto è molto più basso: finora non sono state iniettate nemmeno due dosi su 10. (La Stampa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr