Moody's: outlook rating Italia passa a negativo. Il Mef: "Revisione opinabile"

Moody's: outlook rating Italia passa a negativo. Il Mef: Revisione opinabile
la Repubblica INTERNO

Altri segnali negativi importanti arrivano dall’ aumento del disavanzo della bilancia commerciale e dal marcato peggioramento della fiducia dei consumatori.

A vedere rosa solo quelle del settore delle costruzioni, anche se una parte denuncia l’esistenza di ostacoli alla produzione.

L’Istat parla di «segnali di decelerazione» dell’attività economica e Moody’s valuta “negative” le prospettive sul rating italiano. (la Repubblica)

La notizia riportata su altri media

Ascolta la versione audio dell'articolo. 1' di lettura. L’agenzia Moody’s rivede al ribasso le prospettive dell’Italia a negativo da stabile. “data la struttura degli incentivi in atto, fallire negli impegni per le riforme potrebbe essere un’indicazione di un indebolimento delle istituzioni legislative ed esecutive”, aggiunge Moody’s,. (Il Sole 24 ORE)

L’outlook è l’indicazione della tendenza verso cui va il giudizio dell’agenzia di rating. «L’elevato livello del debito pubblico italiano a confronto con altri paesi è già pienamente riflesso nel rating assegnato all’Italia da Moody’s (Avvenire)

E poi la nota evoca la possibilità che l'Italia possa fallire sul Pnrr. L'agenzia di rating Moody's ha comunicato di aver rivisto le prospettive economiche dell'Italia da stabili a negative. (ilGiornale.it)

Elezioni 2022, Moody's: outlook Italia da stabile a negativo

Sull’Italia inoltre, secondo Moody’s, ci sono “rischi materiali sulle prospettive di crescita dovuti all’incertezza” sulle “forniture energetiche”. “La fine del governo Draghi e elezioni anticipate del 25 settembre 2022 aumentano l’incertezza politica” in un contesto difficile, afferma Moody’s in una nota. (Nicola Porro)

Roma, 6 ago. (askanews) – “Preoccupa il taglio dell’outlook sul debito italiano da parte dell’agenzia di rating Moody’s, che si aggiunge alla drastica revisione delle stime di crescita del Pil italiano per il 2023 prevista dalla Commissione Europea. (Agenzia askanews)

"Il governo uscente ha compiuto progressi significativi nel rispettare pienamente e puntualmente le tappe e gli obiettivi contenuti nel Pnrr - sostiene l'agenzia di rating - Tuttavia, è probabile che le elezioni anticipate ritardino il raggiungimento di alcune tappe e obiettivi che dovevano essere raggiunti entro la fine del 2022; questi risultati sono necessari per sbloccare l'accesso alla prossima tranche di finanziamenti, che ammonta a 19 miliardi di euro (1,0% del Pil). (Adnkronos)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr