La tragedia di Montemurlo. "Non si può morire a 22 anni sul lavoro"

LA NAZIONE INTERNO

Prato, 4 maggio 2021 - La morte ieri a Montemurlo di una giovane ragazza, una mamma che si chiamava Luana, ci ha lasciato tutti sconvolti.

Ogni morte sul lavoro è inaccettabile, ogni giorno una lavoratrice o un lavoratore si reca sul luogo di lavoro e non torna piu' a casa.

Queste le parole di Simona Bonafe', segretaria del Pd toscano, sulla tragedia avvenuta a Montemurlo (Prato)

La sicurezza sul lavoro deve tornare centrale, non possiamo permettere che succeda più un dramma come quello di Luana, una ragazza con tutta la vita davanti". (LA NAZIONE)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Ed è per lui che aveva deciso di andare a lavorare da un anno all' orditoio "Luana", una fabbrica tessile che si chiama come lei, e come tante ce ne sono in quel distretto,. Capelli liscissimi, lunghi, sorriso largo, piercing al naso e tutto quello che solo una 22enne può comunicare. (ilgazzettino.it)

Cosi il segretario generale Cisl, Luigi Sbarra, dopo l’incontro con governo sul Pnrr Vogliamo aprire una grande vertenza nazionale sulla sicurezza sui luoghi di lavoro”. (LaPresse)

Il procuratore capo di Prato, Giuseppe Nicolosi, ha confermato di essere già in possesso del mandato per eseguire l’autopsia e confida di poterla effettuare al più presto. Inoltre, Nicolosi ha aggiunto che le verifiche sul macchinario tessile stanno procedendo, nel tentativo di comprendere se ci sia stato o meno un malfunzionamento. (gonews)

Covid, contagi ancora bassi: a Prato sono 41 con il doppio dei tamponi analizzati rispetto a ieri [notiziediprato.it]

(LaPresse) – “Sicurezza sul lavoro? “Noi pensiamo di discutere tra noi sindacati e aprire una vertenza e fare di maggio un mese dove salutr e sicurezza diventano i temi centrali, non è accettabile cosa sta succedendo”, ha aggiunto (LaPresse)

Il Comune di Montemurlo non si fermerà nel chiedere verità e per spezzare questa terribile catena di morti bianche La famiglia mi ha dato il proprio consenso ad avviare la raccolta fondi, che nelle nostre intenzioni vuole sostenere in particolare le necessità del bambino di Luana, appena 5 anni, rimasto orfano. (LA NAZIONE)

Un numero più alto ma con più del doppio di tamponi analizzati rispetto al giorno precedente: ieri in tutta la Toscana erano stati poco meno di 10mila oggi sono 22.393. Buone notizie per il secondo giorno consecutivo, invece, sul fronte dei nuovi casi: se ieri erano stati 33, oggi sono 41. (notiziediprato.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr