Caos nel settore rifiuti in Calabria. I costi “esplodono” e i Comuni si ribellano

Caos nel settore rifiuti in Calabria. I costi “esplodono” e i Comuni si ribellano
Gazzetta del Sud - Edizione Calabria INTERNO

Si può sintetizzare così il senso dell’ordinanza con la quale la Regione, lo scorso 14 luglio, ha disposto lo smaltimento coattivo nella discarica di Columbra, fino al 30 settembre, degli scarti della lavorazione dei rifiuti prodotti da tutta la Calabria per un costo di 180 euro a tonnellata.

Mentre dall'altro, i Comuni si ritroveranno a sborsare somme mai pagate prima per conferire l'immondizia nell'impianto gestito dalla Sovreco, ma anche per assicurare il ciclo completo dei rifiuti. (Gazzetta del Sud - Edizione Calabria)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Niente siti idonei a discarica nel Comune di Roma e zone al 90% rosse in provincia. E inoltre: «Le mappe hanno confermato che il sito attuale che riceve rifiuti inerti (edili, ndr) non è autorizzato al materiale proveniente dai Tmb e la distanza dalle abitazioni è 600 metri, mentre dalle scuole di soli 700». (Corriere Roma)

Soltanto alle 10 di lunedì mattina, Congesi il consorzio che a Crotone si occupa della gestione del servizio idrico integrato, ha messo a disposizione dei cittadini un’autobotte, nel quartiere di Farina. (Gazzetta del Sud - Edizione Catanzaro, Crotone, Vibo)

L'"insalata russa" è servita. Spiagge italiane piene di rifiuti: i numeri preoccupanti del rapporto Legambiente (La Repubblica)

Casa abbandonata diventa una discarica: gli incivili scaricano di tutto

Nel corso della conferenza dei sindaci, svolta sempre davanti all’impianto di smaltimento dei rifiuti di località Columbra, è stato proposto di utilizzare la discarica per rifiuti non pericolosi di Columbra (l’ordinanza regionale prevede di utilizzare quella per rifiuti pericolosi) per poter ripulire le strade invase dai rifiuti ormai da settimane. (wesud)

Occorre intervenire subito, con la rimozione rapida dei rifiuti e la sanificazione delle aree” È quanto scrivono inn una lettera aperta al sindaco di Crotone Vincenzo Voce i consiglieri comunali del gruppo ConSenso, Fabiola Marelli e Enrico Pedace. (wesud)

Quella casa ha avuto la sola sfortuna di essere stata abbandonata troppo presto: certo, l'infelice posizione (praticamente aipiedi diuna pareterocciosa e in una zona dal perenne destino agricolo e pastorale), è stata determinante nella decisione presa dagli occupanti dell'epoca, ma questo non giustifica che deve essere trasformata in discarica da persone che reputano più vantaggioso sfidare la maleducazione che recarsi presso un'isola ecologica e disfarsi di cose non più utilizzabili. (ciociariaoggi.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr