Perù Libre, Perù Libero! - Il Mondo Alla Rovescia

Perù Libre, Perù Libero! - Il Mondo Alla Rovescia
L'AntiDiplomatico ESTERI

Intanto per le strade peruviane si può leggere un po’ ovunque “Perù Libre”, Perù Libero, sulle bandiere biancorosse, con la raffigurazione di una matita al centro, portate a spalla da contadini e operai che mostrano orgogliosi i loro caschetti da lavoro mentre sfilano per festeggiare la vittoria del nuovo Presidente.

È una giornata storica, e in pochi ci avrebbero scommesso viste le forze in campo e i sondaggi. (L'AntiDiplomatico)

Se ne è parlato anche su altre testate

(askanews) - Manifestazioni in Perù dopo le presidenziali il cui risultato ufficiale ancora non è stato annunciato. La candidata di destra ha chiesto l'annullamento di circa 200.000 schede davanti al Tribunale elettorale del Paese. (Il Sole 24 ORE)

Non è ancora ufficiale l’esito delle elezioni presidenziali in Perù ma il candidato della sinistra radicale Pedro Castillo si è proclamato vincitore con il 99,82% delle schede scrutinate e 67.000 voti di vantaggio sulla rivale di destra populista Keiko Fujimori. (L'Unione Sarda.it)

Dopo aver perso l’elezione per una manciata di voti la figlia dell’ex dittatore Alberto Fujimori si trova adesso a fronteggiare un’ordinanza di custodia cautelare arrivata per aver violato alcune regole di condotta stabilite dalla magistratura peruviana nell’ambito di un’inchiesta dove è accusata di riciclaggio di denaro e corruzione. (L'AntiDiplomatico)

Elezioni Perù: Castillo si dichiara vincitore, Fujimori contesta

Il giorno dopo la sua autoproclamazione a presidente, Pedro Castillo ha fatto parlare il suo portavoce economico per tranquillizzare i mercati e la scena sembra uscita da un film degli anni Sessanta del secolo scorso. (La Stampa)

Dalle campagne, intanto, i contadini hanno raggiunto Lima, decisi a “difendere il voto” pro Castillo Il conteggio dei voti da parte dell’Onpe (l’Ufficio elettorale dei processi elettorali), infatti, procede a rilento da almeno due giorni. (Il Fatto Quotidiano)

La candidata di destra alle elezioni presidenziali in Perù, Keiko Fujimori, ha chiesto al tribunale elettorale del Paese l'annullamento di 200'000 voti, dopo che il candidato della sinistra radicale Pedro Castillo si è proclamato vincitore, con il 99,82% delle schede scrutinate e oltre 70’000 voti di vantaggio. (RSI.ch Informazione)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr