G20 straordinario sull'Afghanistan, Draghi: "Emergenza umanitaria gravissima"

G20 straordinario sull'Afghanistan, Draghi: Emergenza umanitaria gravissima
Più informazioni:
News Mondo INTERNO

Il coinvolgimento c’è stato ed è stato continuo

La giornata si conclude con la conferenza stampa del premier Mario Draghi.

Di seguito il video della conferenza stampa di Mario Draghi al termine del G20.

Il G20 straordinario sull’Afghanistan. Il vertice straordinario si tiene in video-conferenza.

Dopo i colloqui tra Stati Uniti e Talebani, i leader mondiali si confrontano in occasione del G20 straordinario sull’Afghanistan. (News Mondo)

Se ne è parlato anche su altri media

Bisogna prendere atto che sono stati giudicati per ciò che hanno fatto, non per ciò che hanno detto». «Affrontare la crisi umanitaria richiederà contatti con i talebani, ma questo non significa un loro riconoscimento. (Corriere TV)

Punto dolente quest'ultimo dato che i talebani hanno già fatto sapere che sul tema hanno bisogno dei loro tempi. Con il mandato di tipo generale delle Nazioni Unite, l'accordo è che il G20 debba agire direttamente per dare una risposta collettiva. (TG La7)

La sua continua presenza nel paese deve essere preservata. Al personale dellee a tutti gli operatori umanitari, indipendentemente dal sesso, deve essere garantito un accesso completo, sicuro, incondizionato e senza ostacoli". (Rai News)

G20 Afghanistan, Draghi: 'un successo'

Con il mandato di tipo generale delle Nazioni Unite, l'accordo è che il G20 debba agire direttamente per dare una risposta collettiva. Ed è proprio su questo tasto, i diritti umanitari, su cui punta il vertice (TG La7)

Si è avuta più di una conferma che le Nazioni Unite saranno protagoniste di questa risposta». Questa convergenza si è tradotta in un mandato alle Nazioni Unite come coordinamento ad agire direttamente», aggiunge il premier. (La Stampa)

Autorizzaci a leggere i tuoi dati di navigazione per attività di analisi e profilazione. Per avere contenuti personalizzati, dai il tuo ok alla lettura dei dati di navigazione. (Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr