Saman, il cugino si difende: “Non c’entro nulla con la sua scomparsa”

Saman, il cugino si difende: “Non c’entro nulla con la sua scomparsa”
Più informazioni:
ReggioSera.it INTERNO

Ha rilasciato spontanee dichiarazioni e ha manifestato l’intenzione di rendere dichiarazioni più approfondite al pubblico ministero nei prossimi giorni”, comunica Bucchi.

Questo “per spiegare la sua posizione sia in relazione ai giorni di cui si tratta, sia in relazione al suo successivo allontanamento dall’Italia”.

“Il nostro assistito ha dichiarato di non avere nulla a che vedere con la sparizione della ragazza. (ReggioSera.it)

Ne parlano anche altri giornali

Da parte degli inquirenti sono ovviamente altissime le speranze che Ikram decida di parlare, e ancora di più che decida di collaborare. Le ricerche della 18enne pakistana sono iniziate il 5 maggio, già il 12 i cani erano al lavoro. (Corriere della Sera)

Gli inquirenti pensano che il cadavere sia stato occultato "In questo momento il nucleo investigativo ha preso in carico a Ventimiglia, Ikram Ijaz, il cugino di Saman. (Gazzetta del Sud)

Un mandato d'arresto internazionale? L'operazione di estradizione è stata resa possibile soprattutto grazie alla costante collaborazione del Servizio di cooperazione internazionale della polizia criminale del ministero dell'Interno. (il Giornale)

Scomparsa Saman, interrogato dal carcere il cugino Ikram Ijaz che si dichiara innocente: “Pronto a collaborare”

A dirlo, all'uscita del tribunale, è Luigi Scarcella, uno dei due legali di Ikram Ijaz, uno dei parenti fermati dalla 18enne di Novellara, nel reggiano, di cui non si hanno più notizie dalla fine di aprile. (Nuovo Sud)

Pochi giorni fa, il fratello minore di Saman Abbas avrebbe dichiarato agli investigatori di sospettare che lo zio – attualmente tra i ricercati – possa averla strangolata Le indagini sulla scomparsa di Saman Abbas, 18enne di origine pakistana le cui tracce si sono perse oltre un mese fa a Novellara, continuano. (Thesocialpost.it)

Ijaz era stato arrestato a fine maggio a Nimes, in Francia mentre cercava di raggiungere alcuni parenti a bordo di un autobus. Ma dal carcere di Reggio Emilia in cui si trova, si è dichiarato innocente, negando il proprio coinvolgimento nella vicenda dicendosi pronto a collaborare con la Giustizia. (Next Stop Reggio)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr