Domanda pensione di vecchiaia dipendente comparto scuola: quando?

Domanda pensione di vecchiaia dipendente comparto scuola: quando?
Altri dettagli:
Money.it INTERNO

Grazie”. leggi anche Pensione di vecchiaia INPS: requisiti ed età pensionabile per il 2021. Domanda pensione comparto scuola. La pensione di vecchiaia si raggiunge al compimento dei 67 anni e, quindi, lei potrà accedere alla misura solo nel 2023.

Si dovrà limitare alla presentazione della domanda di pensione vera e propria all’INPS e le consiglio di farlo entro il 28 febbraio 2023

Per i dipendenti del comparto scuola la domanda di pensione presenta un duplice obbligo, quello di presentare domanda di cessazione dal servizio (le dimissioni) e quello di presentare domanda di pensione vera e propria. (Money.it)

Su altre fonti

La misura era valida per tre anni e consentiva l’uscita anticipata dal mondo del lavoro per chi vanta almeno 38 anni di contributi con un’età anagrafica minima di 62 anni. Dal 1° gennaio 2022 verrà ripristinata la legge Fornero che prevede l’uscita da lavoro a 67 anni. (Orizzonte Scuola)

«Circa un quarto delle donne lavoratrici – ha aggiunto la ministra – abbandona la propria occupazione dopo la nascita di un figlio. È la proposta di legge su Quota Mamma che ho presentato nel 2020, è arrivato il momento di discuterne sul serio». (The Wam.net)

Le gestioni dei lavoratori autonomi erogano il 28% delle pensioni, per un importo in pagamento del 24,2% Mentre quelle con decorrenza nel periodo gennaio-marzo 2021 sono state 188.840 in totale, per un importo medio di 1.190 euro. (InvestireOggi.it)

Pensioni, la proposta dei sindacati: 62 anni o 41 di contributi. “No al ritorno del modello Fornero e a un sistema solo contributivo”

Riforma pensioni 2021, rilanciare la previdenza complementare. Noi pensiamo che vi siano altre 2 questioni che non andrebbero dimenticate: strutturalmente siamo in presenza di un sistema pensionistico, pubblico e complementare. (Pensioni Per Tutti)

Ansa. PENSIONI DIVISE IN DUE? - L’idea di Tridico è quella di "permettere a 62-63 anni di uscire con la parte puramente contributiva" e poi di ottenere "la parte retributiva al raggiungimento dell'età ordinaria a 67 anni". (Sky Tg24 )

«Vogliamo rilanciare i temi della piattaforma sindacale con maggiore flessibilità», spiegano Cgil, Cisl e Uil, che domani presenteranno l'iniziativa «Cambiare le pensioni adesso». In particolare si potrebbe prevedere un anticipo pensionistico con solo parte contributiva a 62/63 anni e 20 anni di contributi. (La Stampa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr