Napoli, carabiniere interviene per sedare lite e viene aggredito VIDEO

Sky Tg24 Sky Tg24 (Interno)

Il militare, fuori servizio, è stato picchiato da un gruppo di persone con caschi e sedie: ha riportato una seria emorragia e ha perso conoscenza.

Sul caso indagano le forze dell'ordine. Un carabiniere fuori servizio è intervenuto per sedare una lite per motivi di viabilità ed è stato pestato selvaggiamente da un gruppo di 6 o 7 ventenni.

Alcuni aggressori sono già stati individuati: sarebbero originari del centro storico di Castellammare e vicini al clan D'Alessandro e sono stati anche interrogati. (Sky Tg24 )

Ne parlano anche altre testate

E ancora calci e pugni fino a quando il branco si accorge che quell’uomo non reagisce più. Alla 00.42 il carabiniere è privo di sensi: dopo un minuto di follia gli scooter con in sella giovani senza il casco sfrecciano via veloce. (anteprima24.it)

Prima investito con uno scooter, poi picchiato con caschi, pugni e calci, fino al lancio di un tavolino in alluminio dietro la nuca. Il gruppo non ha apprezzato la sua intromissione, quindi lo ha prima investito col lo scooter, poi lo ha picchiato con caschi, pugni e calci, e infine gli ha lanciato un tavolino dietro alla testa. (The Wam)

Prima di farlo ha cercato di immortalare la scena a scopo investigativo usando la telecamera dal suo telefonino. Ci sono 4 persone fermate dopo l'aggressione al carabiniere a Castellammare di Stabia (Napoli). (Fanpage.it)

Tre maggiorenni e un minorenne sono accusati di aver picchiato brutalmente l'appuntato dei carabinieri. Arrestato anche un 42enne, estraneo all'aggressione, ma reo di aver sottratto il borsello al militare mentre era ferito e riverso sull'asfalto (NapoliToday)

In particolare, grazie all’analisi dei sistemi di videosorveglianza e alle ricostruzioni testimoniali, è stata individuata una parte del gruppo di aggressori, che, irritati dall’intervento del militare, lo hanno colpito sino a lasciarlo a terra privo di coscienza. (Il Meridiano News)

In particolare, grazie all’analisi dei sistemi di videosorveglianza e alle ricostruzioni testimoniali, è stata individuata una parte del gruppo di aggressori, che, irritati dall’intervento del militare, lo hanno colpito sino a lasciarlo a terra privo di coscienza. (ROMA on line)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr