A Palermo si torna in classe, il sindaco Orlando: “Prendo atto della decisione. Vigilare sulle scelte delle autorità competenti”

A Palermo si torna in classe, il sindaco Orlando: “Prendo atto della decisione. Vigilare sulle scelte delle autorità competenti”
Orizzonte Scuola INTERNO

Per il sindaco “sarà necessario continuare a vigilare sulle scelte delle autorità competenti e sulle criticità registrate anche nel mondo scolastico

“Stante la sospensiva, non posso che fare un forte appello ancora una volta al senso di responsabilità di tutti e rivolgo nuovamente un richiamo alle responsabilità degli organi competenti della sanità nazionale e regionale“.

A Palermo si torna in classe, il sindaco Orlando: “Prendo atto della decisione. (Orizzonte Scuola)

Se ne è parlato anche su altri media

Da oggi quindi, e dopo un solo giorno di didattica a distanza, anche a Messina la scuola torna in presenza A riaprire le scuole chiuse per emergenza Covid ci pensano i Tar. (Open)

Circa 200 comuni siciliani hanno deciso di serrare le scuole fino a domenica nonostante una task force ne avesse ordinato la riapertura, situazione che ha generato il copioso sgorgare di un fiume di ricorsi al Tar e di lettere prefettizie contenenti l’invito ai sindaci di tornare sulle proprie decisioni. (Sicilia ON Press)

Dopo il complicato riavvio dell’anno scolastico ieri, gli alunni assenti per positività da Covid-19, non superavano il 5%: questo emerge dal monitoraggio effettuato dall’Ufficio scolastico regionale che comunica di avere censito 706 istituzioni scolastiche, pari all’86% del totale. (La Sicilia)

Scuola, la Regione: «Si torni in presenza in tutta la Sicilia: contagi tra gli studenti al 5%»

- PALERMO, 14 GEN - Dai dati dell'Ufficio scolastico regionale emerge che su 391 Comuni della Sicilia 161 hanno emanato ordinanze sindacali di sospensione delle attività didattiche, mentre i restanti hanno regolarmente avviato le attività didattiche in presenza. (Ansa)

Di certo gli istituti saranno chiusi a Palermo, Caltanissetta, Messina, Ragusa, Siracusa, Agrigento e Trapani Ogni sindaco deciderà se chiudere le scuole oppure no. (La Repubblica)

La finalità è quella di ridurre le diseguaglianze e migliorare gli standard formativi per evitare marginalizzazione sociale e ritardi di apprendimento». La presenza degli studenti in classe non può essere disgiunta dalla necessità di garantire condizioni di sicurezza e tutela della salute. (il Fatto Nisseno)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr