VIDEO: Emirati Arabi Uniti provocano forti piogge artificiali in mezzo a un'ondata di caldo di quasi 50

VIDEO: Emirati Arabi Uniti provocano forti piogge artificiali in mezzo a un'ondata di caldo di quasi 50
Approfondimenti:
3BOX ESTERI

Pioggia Artificiale negli Emirati Arabi Uniti (EAU). L’agenzia ha emesso allerte meteorologiche per l’est del Paese a causa della possibilità di formazioni di nubi convettive associate a maggiori precipitazioni e venti con velocità di 40 km/h che provocano lo spostamento di polvere e sabbia.

Negli ultimi anni, le autorità degli Emirati Arabi Uniti stanno attivamente sviluppando tecnologie per indurre la pioggia nel loro territorio arido. (3BOX)

Ne parlano anche altri media

Così, mentre mezza Europa è in ginocchio per eventi meteo estremi, la copiosità delle ultime precipitazioni negli Emirati Arabi ha “solo” come concausa l’inseminazione delle nuvole, in inglese cloud seeding. (greenMe.it)

Al termine del suo discorso, Al Mazrouei ha invitato i partecipanti alla conferenza a partecipare a Expo 2020 Dubai negli Emirati Arabi Uniti, che sarà un evento unico che riunirà milioni di persone da tutto il mondo nell'ottobre 2021 Sfide e opportunità", tenutasi nella capitale uzbeka, Tashkent, il 15 e 16 luglio 2021. (WAM Italian)

"Prevenzione, trattamento e continuità delle attività e dei servizi" è stata la strategia ben definita del Paese dall'annuncio ufficiale del primo caso confermato di COVID-19. (Agenzia stampa degli Emirati)

Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti mettono da parte le differenze e aumentano la produzione di petrolio da agosto | Economia

Le precipitazioni hanno interrotto un lungo periodo di caldo record, con temperature anche di 50 gradi. Per spargere queste sostanze vengono usati droni dotati di attrezzi in grado di intervenire sulle nubi cumuliformi (Scienzenotizie.it)

Mohammed bin Salman, alias MBS, e Mohammed bin Zayed – soprannominato MBZ – hanno plasmato importanti sviluppi nella regione negli ultimi anni. Mohammed bin Salman vuole recuperare il ritardo, anche se fa del male a Mohammed bin Zayed. (FUTURA MEMORIA)

L’accordo prevede l’aumento delle quote di produzione per Emirati Arabi Uniti, Iraq, Kuwait, Russia e Arabia Saudita a partire da maggio 2022. I dettagli di come il tiro alla fune ha appianato le differenze tra Emirati Arabi Uniti e Arabia Saudita non sono stati rivelati. (Flamina&dintorni)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr