Tutti gli schizzi fra Russia e Turchia in Libia su petrolio e Noc

Tutti gli schizzi fra Russia e Turchia in Libia su petrolio e Noc
Startmag Web magazine Startmag Web magazine (Esteri)

Certo è che c’è un gran fermento in questo periodo intorno ai pozzi petroliferi che sorgono nelle zone circostanti e che sono oggetto degli opposti appetiti.

Si auspica che questo conto sia aperto in Russia, in modo che tutti i proventi della vendita di petrolio vengano da lì distribuiti equamente tra le tre regioni della Libia2.

Su altri media

Questo, però, aveva risposto che chi ne aveva preso il controllo erano rappresentanti tribali, su cui lui non aveva potere. I capi tribali annunciano che presto verrà sbloccato l’output petrolifero in Libia (Difesa e Sicurezza)

Il conflitto Libia, la Corte Penale Internazionale indaga su Haftar. E Al Serraji ha scritto ai giudici dell’Aja, dicendosi pronto a collaborare con una missione del tribunale in Libia per indagare e accertare al più presto i crimini “nazisti” compiuti contro i civili. (Rai News)

Il futuro del Generale è sempre più in bilico. La posizione di Haftar, a seguito delle affermazioni di Macron si aggrava ulteriormente. Il presidente Macron afferma che Parigi era contraria alla campagna contro il GNA di Sarraj e bacchetta Turchia e Russia (Difesa e Sicurezza)

Le tribù libiche hanno trasferito il controllo sui siti petroliferi e i porti di raffinazione al parlamento di Tobruk e all'Esercito Nazionale Libico (LNA) guidato dal maresciallo Khalifa Haftar. Lo scopo di tali pattuglie è quello di garantire la sicurezza dei siti petroliferi dagli attacchi dei gruppi armati. (Sputnik Italia)

Lo ha rivelato il Wall Street Journal. Citando funzionari libici, americani ed europei, il giornale sostiene che i contractor militari privati della Russia hanno aiutato le milizie fedeli ad Haftar a prendere il controllo del principale giacimento petrolifero della Libia la settimana scorsa. (AGI - Agenzia Italia)

I libici pronti a combattere per Sirte e al-Jufra ma i loro “sponsor” cercano un’intesa. Tornano a surriscaldarsi la situazione militare in Libia dopo il ritiro delle truppe del maresciallo Khalifa Haftar da gran parte della Tripolitania. (Analisi Difesa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr