Italia-EAU, Guerini: “Vietato il passaggio all’aereo? Farnesina ha espresso disappunto”

Italia-EAU, Guerini: “Vietato il passaggio all’aereo? Farnesina ha espresso disappunto”
Per saperne di più:
LaPresse INTERNO

Il ministro della difesa sul caso diplomatico con gli Emirati Arabi. (LaPresse) – “La Farnesina ha convocato l’ambasciatore, ha espresso disappunto e chiesto spiegazioni, attendiamo”.

Così il ministro della Difesa Lorenzo Guerini dopo il caso diplomatico con gli Emirati Arabi Uniti che hanno vietato il passaggio all’aereo della delegazione italiana, in viaggio a Herat, in Afghanistan, per il saluto finale ai militari italiani che stanno smobilitando

(LaPresse)

Su altri media

Roma, 8 giugno 2021 - L'Italia lascia l'Afghanistan dopo quasi 20 anni di presenza nella zona di Herat. L'incidente diplomatico. La cerimonia dell'ammaina-bandiera ad Herat ha avuto anche un retroscena diplomatico, con tensione tra Italia ed Emirati Arabi Uniti (Quotidiano.net)

Proprio gli Stati Uniti, dopo gli attentati dell'11 settembre lanciarono nell'ottobre del 2001 l'offensiva contro l' Afghanistan dei talebani, diventato un "safe haven", un rifugio sicuro per i terroristi di al Qaeda. (ilmessaggero.it)

L'Italia lascia l'Afghanistan dopo 20 anni di missione: ammainato il tricolore a Herat

"Non abbandoniamo il personale civile afghano che ha collaborato con il nostro contingente ad Herat e le loro famiglie: 270 sono già stati identificati e su altri 400 si stanno svolgendo accertamenti. Ad Herat è arrivato oggi il ministro della Difesa Guerini, per il saluto finale ai militari e la cerimonia dell'ammaina-bandiera alla base di Camp Arena, che sarà consegnata alle forze locali. (Sky Tg24 )

Vogliamo continuare a rafforzare questo Paese dando anche continuità all'addestramento delle forze di sicurezza afghane per non disperdere i risultati ottenuti in questi 20 anni". Alla missione Isaf, conclusa nel 2014, è subentrata nel 2015 quella “non combat” Resolute Support - sempre Nato - per formare e assistere le forze di sicurezza locali. (L'Unione Sarda.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr