La Cina ha reso «illegale» ogni transazione in moneta virtuale

La Cina ha reso «illegale» ogni transazione in moneta virtuale
Ticinonline ECONOMIA

D'ora in poi è dunque praticamente vietato far circolare monete virtuale sul mercato cinese.

La decisione ha messo sotto pressione tutti i titoli legati alle criptovalute e alla blockchain, colpendone anche il valore.

a Cina torna a stringere le viti contro i Bitcoin e, più in generale, contro le criptovalute, e questa volta con una mossa drastica.

Recentemente, lo ricordiamo, la Commissione Nazionale per lo Sviluppo e la Riforma (NDRC) ha lanciato «una profonda pulizia» a livello nazionale del mining di criptovalute

Anche altre cripto sono crollate: Ether, ad esempio, è precipitato del 10%. (Ticinonline)

Ne parlano anche altri giornali

Mi piace dire che Bitcoin assomiglia a Kenny di South Park. I meme sulla morte di Bitcoin. Non possiamo che segnalare, come piccola nota di colore, la presenza di diversi meme ricorrenti online sulle morte di Bitcoin (Criptovaluta.it)

In altre parole ha affermato che in Cina l’utilizzo di qualsiasi servizio di scambio di criptovalute che preveda un intermediario è vietato, anche qualora questo intermediario sia estero. Data la situazione pericolante dei mercati finanziari cinesi, non stupisce che il governo cinese se la stia prendendo con gli speculatori, anche se costoro sono cittadini che investono i loro risparmi (Cryptonomist)

Banca centrale cinese di nuovo con il pugno di ferro contro le valute digitali. Inoltre, prosegue la nota scambi e transazioni in valuta virtuale sono definite “attività finanziarie illegali e sono severamente vietate“. (Il Fatto Quotidiano)

Snoop Dogg entra in The Sandbox | $SAND si prepara alla bull run?

In particolare quelli crypto sono impauriti per il divieto di utilizzare exchange esteri, gli unici utilizzabili fino ad oggi dopo il ban di quelli cinesi. Inoltre c’è anche la paura per il fallimento di Evergrande. (Il Bitcoin)

La scelta della Cina arriva in un momento molto delicato per la finanza cinese, insidiata al momento dal caso Evergrande Un divieto che l’istituto centrale, la Banca Popolare Cinese, ha esteso anche a tutte le società che operano nel Paese. (Open)

Questo il commento di Snoop Dogg, al quale è seguito anche il commento del COO e co-fondatore di THe Sandbox Sebastien Borget. Il token $SAND del multiverso non ha ancora riflesso l’importante impegno di Snoop Dogg, ma potrebbe farlo nei prossimi giorni. (Criptovaluta.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr