Decolla Atlantia e si posizione in testa al FTSE MIB

Borsa Italiana ECONOMIA

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi

Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

(Borsa Italiana)

La notizia riportata su altre testate

Nella giornata di ieri si è tenuta il primo meeting della BCE dopo la revisione della strategia di politica monetaria, la quale prevede un obiettivo simmetrico di inflazione al 2%. Da un punto di vista operativo quindi, si potrebbero valutare strategie di matrice short di breve periodo in caso di violazione dei minimi di ieri, a 24.732,07 punti. (Investire.biz)

Sull’obbligazionario, lo spread Btp-Bund si attesta a 108 punti base, con il rendimento del decennale italiano allo 0,68%. Tornando a Piazza Affari, fra le aziende del Ftse Mib svettano Unipol (+4%) e Stm (+4%), quest’ultima in scia ai conti dell’olandese ASML (Il Cittadino on line)

Le borse europee recuperano ancora terreno dopo il sell-off di inizio settimana, nonostante i timori per la diffusione della variante delta che rischia di rallentare la ripresa. Tornando al comparto tech e tlc di Piazza Affari, chiude in rialzo la big cap Stm (+4%) in scia alle indicazioni positive giunte da ASML. (Il Cittadino on line)

E’ stata una settimana decisamente volatile per l’indice Ftse Mib che è sceso verso l’importante supporto grafico situato in area 23.900-23.850 punti (zona che coincide con i minimi degli ultimi mesi) prima di effettuare un veloce e improvviso recupero. (Milano Finanza)

Il quadro tecnico di breve termine rimane ancora precario: prima di poter iniziare un nuovo movimento rialzista sarà pertanto necessaria un'adeguata fase riaccumulativa (Milano Finanza)

Chiudono in rosso Banca Generali (-1,74%), Prysmian (-1%), Tim (-0,85%) e Generali (-0,33%) Bene gli industriali tra cui STM (+2,34%), Buzzi Unicem (+1,89%), Leonardo (+1,84%), Cnh Industrial (+1,7%), Ferrari (+1,74%) e Stellantis (+1,64%). (Milano Finanza)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr