Pagliarelli nelle mani della mafia, pestaggi per punire le rapine non autorizzate dal clan

Giornale di Sicilia INTERNO

È il caso di due rapine non autorizzate dal boss ai danni di un negozio di detersivi.

Appena arrivato sul posto l'ideatore dei colpi fu pestato a sangue alla presenza del boss Giuseppe Calvaruso: una lezione per lo sgarro

E così cosa nostra decise di attrarre il responsabile in un garage, sequestrando al suo interno alcuni complici.

Gli investigatori, in particolare, hanno ricostruito il pestaggio del rapinatore che aveva messo a punto il piano delle rapine (due in cinque giorni). (Giornale di Sicilia)

Su altre fonti

A tradirlo è stata la voglia di passare le vacanze di Pasqua in Italia. Così i carabinieri del nucleo investigativo di Palermo sono riusciti ad arrestare Giuseppe Calvaruso, boss mafioso ritenuto capo mandamento di Pagliarelli. (Il Fatto Quotidiano)

«Un boss giovane, ha appena 44 anni con una mentalità direi molto moderna - spiega Carrozzo -. Scopri di più nell’ edizione digitale. Dal Giornale di Sicilia in edicola È lui - ricostruisci Mariella Pagliaro sul Giornale di Sicilia in edicola -, che assieme ai suoi uomini, lo ha atteso all’aeroporto Falcone-Borsellino per arrestarlo. (Giornale di Sicilia)

Giuseppe Calvaruso, il reggente del mandamento Pagliarelli di Palermo, investito sul campo dell’ex capo Settimo Mineo arrestato nell’operazione Cupola 2.0 è stato fermato all’aeroporto di Palermo Falcone Borsellino appena sceso dall’aereo. (BlogSicilia.it)

Perché cinquecento euro glieli ho dati la settimana passata. Giovanni Caruso, considerato il braccio destro di Calvaruso, è stato intercettato mentre si dava un gran da fare: “… mille euro glieli ho dati a lui e mille euro a quello… ora va a colloquio e glieli do. (Live Sicilia)

Emerge dall’inchiesta della dda di Palermo che oggi ha portato al fermo di boss e gregari della famiglia mafiosa di Pagliarelli. I carabinieri del comando provinciale, nel corso dell’operazione Brevis, lo hanno fermato mentre era con la sua famiglia per festeggiare la Pasqua. (ZMedia)

Il merito è di chi la mafia l’ha combattuta e la combatte anche a costo della vita. Cosa Nostra è indebolita come non mai, eppure resiste grazie a una mentalità che seppure non sorprende lascia ugualmente sgomenti. (Live Sicilia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr