'L'Inter ha usato uno slot in più per i 5 cambi, può perdere il derby a tavolino'. Gaffe per l'ex arbitro Pieri, poi le scuse

'L'Inter ha usato uno slot in più per i 5 cambi, può perdere il derby a tavolino'. Gaffe per l'ex arbitro Pieri, poi le scuse
Calciomercato.com SPORT

In parole povere, Conte ha sfruttato correttamente i tre slot a disposizione per i 5 cambi e costringendo Pieri a una doverosa rettifica.

Mi scuso per l'errore", ha scritto successivamente dal proprio profilo Twitter per giustificare la gaffe

Non si può che definirlo così l'episodio che ha visto protagonista ieri pomeriggio l'ex arbitro Tiziano Pieri, oggi opinionista per Raisport, nel corso della trasmissione "La Giostra del gol". (Calciomercato.com)

Su altre testate

Quindi potrebbe perdere la partita a tavolino", aveva inizialmente detto Pieri Prima la gaffe, poi le scuse. (Tuttosport)

"Prima la gaffe, poi le scuse". Poi è entrato Young, terzo slot. (Fcinternews.it)

Al 79° è entrato Sanchez: secondo slot. Il tabellino era sbagliato e l’ho precisato pochissimi minuti dopo durante la stessa trasmissione. (Il Mattino)

L’ex arbitro Pieri sbaglia sugli slot dei cambi di Milan-Inter e poi chiede scusa

a Giostra del Gol, su Rai Italia, l'ex arbitro Pieri aveva ipotizzato la sconfitta a tavolino dell'Inter dopo il 3-0 maturato nel derby. Poi, la correzione: "Oggi pomeriggio durante la trasmissione "La Giostra del Gol" ho letto un tabellino che riportava i minuti dei cambi dell'Inter - ha scritto su Twitter -. (ilBianconero)

Il tabellino era sbagliato e l'ho precisato pochissimi minuti dopo durante la stessa trasmissione. Pieri ha poi continuato argomentando la sua teoria: "Non vorrei sbagliare. (ilGiornale.it)

Con queste affermazioni, l’ex arbitro, Tiziano Pieri e attuale moviolista in Rai, aveva dato speranza ai tifosi del Milan e gettato nell’angoscia i tifosi dell’Inter dopo un derby dominato. Il tabellino era sbagliato e l’ho precisato pochissimi minuti dopo durante la stessa trasmissione (alfredopedulla.com)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr