Seimila dipendenti del Comune lavoreranno da casa anche in periodi normali

Seimila dipendenti del Comune lavoreranno da casa anche in periodi normali
MilanoToday.it ECONOMIA

Seimila dipendenti del Comune di Milano lavoreranno da casa a prescindere dall'emergenza sanitaria, anche in periodi ordinari, "normali".

E' l'obiettivo a cui punta Palazzo Marino secondo quanto emerso durante la commissione innovazione dedicata ai capitoli del bilancio di previsione 2021.

In forte calo invece le spese per i servizi postali: nel 2020 si sono spesi 700 mila euro, meno della metà che nel 2015. (MilanoToday.it)

Su altre fonti

Smart working: a chi spetta? In base al Rapporto sul mercato del lavoro 2020, il ricorso allo smart working ha riguardato il 47% delle aziende nei mesi di lockdown (marzo e aprile), riducendosi al 30% da maggio in avanti. (Vanity Fair Italia)

Inoltre sarà chiamata a ragionare sugli strumenti di organizzazione del lavoro agile in vista del superamento della fase legata all’emergenza sanitaria. webinar, 22 aprile Formazione e performance management: la gestione HR nel never normal Risorse Umane/Organizzazione Smart working (CorCom)

Se invece vogliamo cominciare una nuova carriera, ecco i tre lavori più richiesti per guadagnare facendo smart working per sempre e non vedere mai più l’ufficio. Vediamo i tre lavori più richiesti per guadagnare facendo smart working per sempre e non vedere mai più l’ufficio. (Proiezioni di Borsa)

Colloqui di lavoro: come cambiano la selezione e il mercato con lo smart working

“I termini previsti dalle disposizioni legislative di cui all’allegato 1 sono prorogati fino alla data di cessazione dello stato di emergenza epidemiologica da COVID-19 e comunque non oltre il 30 aprile 2021, e le relative disposizioni vengono attuate nei limiti delle risorse disponibili autorizzate a legislazione vigente”. (Computer Magazine)

Governo e sindacati si impegnano a definire una disciplina normativa ed economica dello smart working che superi l’aspetto emergenziale Ma il decreto Sostegni non ha prorogato la procedura semplificata oltre il 30 aprile. (Sicurezza.net)

Ma in altri sono cresciute rapidamente, come nella logistica, nell’hi-tech e nei servizi di comunicazione online. I cambiamenti in corso. La pandemia ha cambiato rapidamente il modo in cui le aziende reclutano e selezionano i propri dipendenti. (Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr