Covid Italia, report: impennata contagi in 7 giorni

Covid Italia, report: impennata contagi in 7 giorni
Tiscali Notizie INTERNO

Di conseguenza, la Fondazione Gimbe "invita alla cautela per almeno tre ragioni

(Adnkronos) - Impennata di contagi da covid in Italia in una settimana.

Il monitoraggio della Fondazione Gimbe rileva infatti, nella settimana dal 15 al 21 giugno, "un aumento dei nuovi casi (255.442) in tutte le regioni italiane: +58,9% in 7 giorni".

Secondo il report, nella settimana 15-21 giugno l’incremento percentuale dei nuovi casi si registra in tutte le Regioni: dal +31,3% della Valle D’Aosta al +91,5% del Friuli-Venezia Giulia (Tiscali Notizie)

Su altri giornali

Aumentano anche i ricoveri ordinari (+14,4%) e le terapie intensive (+12,6%). Impennata dei contagi da Covid-19, con un aumento del +58,9% in una settimana. (Gazzetta del Sud)

"Sul fronte degli ospedali - afferma Marco Mosti, Direttore Operativo della Fondazione Gimbe - l'incremento dei nuovi casi ha determinato un'inversione di tendenza nei ricoveri sia in area medica (+14,4%) che in terapia intensiva (+12,6%)". (Alto Adige)

Il tasso di copertura vaccinale con quarta dose (persone immunocompromesse) è del 8,8% (media Italia 40%) mentre quello con quarta dose (over 80, ospiti RSA e fragili fascia 60-79) è del 5,5% (media Italia 19,1%). (Quotidiano online)

I ricoveri da Covid continuano ad aumentare ogni giorno di più

Non si segnala per ora un aumento dei decessi, che nel periodo sono stati 348, in diminuzione rispetto alla settimana precedente, quando erano stati 424. Risalgono del 46,6% i nuovi casi in provincia di Bergamo: nel periodo osservato sono stati 1.966, erano stati 1. (BergamoNews.it)

23 giugno 2022 a. a. a. Impennata di nuovi casi di Covid nell’ultima settimana si registra un +58,9% di contagi in Italia. È quanto emerge dal monitoraggio della Fondazione Gimbe, relativo alla settimana che va dal 15 al 21 giugno. (Corriere dell'Umbria)

Situazione pandemia in bilico, il Covid sta aumentando la sua morta sull’Italia. Come dicevamo però a preoccupare maggiormente è la crescita costante dei ricoveri sia in terapia intensiva che nei reparti ordinari. (InvestireOggi.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr