Capodimonte - Titolare di tre imprese ma percepisce il reddito di cittadinanza

Capodimonte - Titolare di tre imprese ma percepisce il reddito di cittadinanza
Paolo Gianlorenzo INTERNO

Scoperto, è stato denunciato dai carabinieri della stazione di Capodimonte che hanno comunicato all’Inps la denuncia per fare revocare il beneficio avuto in modo fraudolento

Scoperto e denunciato dai carabinieri – L’uomo ha anche omesso di dire di essere sottoposto a misura cautelare. CAPODIMONTE – Non dice di essere sottoposto a misura cautelare e di essere titolare di tre imprese per percepire il reddito di cittadinanza, denunciato. (Paolo Gianlorenzo)

La notizia riportata su altre testate

E di conseguenza è partita la segnalazione all’Inps per la revoca del reddito di cittadinanza. Beneficiario del reddito di cittadinanza dallo scorso mese di novembre, a Maratea (Potenza), un uomo è stato trovato dalla Guardia di Finanza a lavorare «in nero» in un cantiere: è stato denunciato. (La Gazzetta del Mezzogiorno)

Nel corso del medesimo controllo emergeva inoltre l’impiego di un altro lavoratore dipendente “in nero”, per il quale era in corso una richiesta di indennità mensile di disoccupazione in regime di NASpI. (Cronache TV)

C’è da definire nell’immediato un punto fondamentale: ildelnon verrà effettuato in anticipo, ma questi verrà rilasciato attorno al 27 del mese. Come riportato sui principali siti che si occupano di questo tema, il reddito di cittadinanza è stato pagato in anticipo a febbraio per coloro che lo hanno rinnovato a gennaio o che nel primo mese dell’anno hanno fatto domanda per ottenere il sussidio (DropNews.it)

Inchiesta droga a Enna, 13 indagati su 23 hanno reddito di cittadinanza

I militari dell’Arma dopo aver scoperto la non validità della recezione del reddito di cittadinanza lo ha denunciato e comunicato all’ INPS per fare revocare il beneficio avuto in modo fraudolento L'uomo ha anche evitato di dichiarare di essere titolare di tre imprese agricole riuscendo cosi a percepire il reddito. (La mia città NEWS)

Dell’operazione “Fire” ci eravamo occupati nell’articolo “26 Gennaio 2021 Sgominata rete di 22 spacciatori operanti a Barrafranca e Piazza Armerina (Enna) VIDEO”. Oggi gli esiti di quelle indagini hanno portato alla luce anche la percezione indebita da parte di tredici indagati del reddito di cittadinanza (Vivicentro)

Al termine degli accertamenti, svolti in collaborazione con i funzionari dell’Inps, la Polizia ha comunicato l’esito dei controlli alla magistratura che ha disposto la revoca immediata dei benefici economici, come previsto dalla normativa e l’Inps ha attivato la procedura per il recupero delle somme indebitamente percepite Complessivamente lo Stato ha erogato circa 10 mila euro al mese a persone che, pur non espletando ufficialmente attività lavorativa, secondo l’accusa erano attive nel traffico e spaccio di droga e beneficiavano del sussidio. (La Sicilia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr